Pensione con 16 anni di contributi: quando se ne ha diritto?

-
24/03/2020

Quali sono le possibilità di accedere ad una pensione se si possiedono soltanto 16 anni di contributi?

Pensione con 16 anni di contributi: quando se ne ha diritto?

Per poter accedere alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età è necessario aver versato almeno 20 anni di contributi. In alcuni casi il diritto alla pensione si matura anche con soli 15 anni di contributi grazie alle cosiddette pensioni quindicenni. Per poter utilizzare queste ultime misure previdenziali, però, bisogna essere in possesso di determinati requisiti. Vediamo quali.

Pensione con 16 anni di contributi

Una nostra lettrice ci scrive:

Sono una donna di 68 anni,ho lavorato per 16 anni versando i contributi,sono stata licenziata perché il negozio non poteva più  pagare le tasse ed ora sono senza lavoro e senza pensione;Potreste darmi qualche informazione grazie!

Vediamo in quali casi può accedere alla pensione anche non avendo raggiunto i 20 anni di contributi minimi necessari.

Nel caso che i suoi contributi siano stati versati tutti prima del 31 dicembre 1992 potrebbe accedere subito al pensionamento con la prima deroga Amato che richiede, appunto, 67 anni, almeno 15 anni di contributi e che tutti i contributi siano stati versati entro il 1992.

Nel caso, invece, avesse chiesto l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari entro il 31 dicembre 1992 (anche senza mai versarli) potrebbe accedere alla pensione con la seconda deroga Amato.

Se, poi, il primo contributo versato risale ad almeno 25 anni fa, la sua carriera è stata discontinua e per 10 anni almeno non ha raggiunto le 52 settimane minime di contribuzione, potrebbe accedere alla pensione con almeno 15 anni di contributi grazie alla terza deroga Amato.

Infine vi è la possibilità di accedere alla pensione con almeno 15 anni di contributi grazie all’opzione Dini che richiede di:

  • possedere almeno 1 contributo versato prima del 1996
  • di avere meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996
  • di avere almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1 gennaio 1996
  • di possedere in totale almeno 15 anni di contributi

Se non rientra in nessuna delle opzioni suggerite fino ad ora l’ultima possibilità di poter percepire una pensione è riposta nella pensione di vecchiaia contributiva per la quale servono soltanto 5 anni di contributi ma è necessario che gli stessi siano stati versati tutti dopo il 31 dicembre 1995.

In alternativa potrebbe pensare di versare, tramite i contributi volontari, i 4 anni di contributi che le mancano al raggiungimento dei 20 anni minimi richiesti, ma in questo caso, impiegando circa 4 anni per farlo, raggiungerebbe il pensionamento solo al compimento dei 72 anni dovendosi anche far carico del pagamento dell’onere contributivo.