Pensione con 41 anni di contributi senza vincoli per abolire la legge Fornero

-
04/12/2019

Pensione con 41 anni di contributi senza vincoli e paletti, la misura sembra prendere forma e trova il benestare anche del Ministro Tridico.

Pensione con 41 anni di contributi senza vincoli per abolire la legge Fornero

Prende sempre più forza l’ipotesi di affermare la pensione anticipata con 41 anni di contributi senza limiti di età, senza lavoro precoce e senza tutele; solo con il requisito contributivo di 41 anni. L’ipotesi attualmente è ancora allo studio, ma sembrerebbe che anche il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ne stia valutando i benefici.

Pensione Quota 41 per abolire definitivamente la legge Fornero

L’ipotesi di pensioni con 41 anni di contributi è stata riproposta dal Ministero del Lavoro Nunzia Catalfo per superare in modo definitivo la Riforma Fornero. Ricordiamo che la Quota 41 per tutti senza vincoli e paletti era una misura inserita nell’accordo di governo a firma del M5S e Lega. Il suo ingresso, inizialmente, era stato previsto unitamente alla Quota 100; per mancanza di fondi è stata spostata al 2020, anche se con molte incertezze.

Adesso sembra concretizzarsi un’idea reale, lo scoglio più grande è la copertura finanziaria per la misura pensionistica.

La pensione anticipata attuale va in soffitta

La pensione anticipata con 41 anni di contributi andrebbe a superare quella che attualmente in vigore che permette l’accesso pensionistico senza limiti di età con 42 anni e 10mesi per gli uomini e 41 e 10mesi per le donne.

Con l’ingresso della Quota 41 per tutti si mettere definitivamente una pietra sulla riforma Fornero.

Pensionamento con Quota 41 oggi

Oggi è possibile accedere alla pensione anticipata con requisiti stringenti, ed esattamente:

  • lavoratore precoce; almeno un anno di contributi versati prima del compimento del 19° anno di età;
  • requisito contributivo: 41 anni di contributi versati, compreso l’anno come precoce;
  • requisito anagrafico: non c’è n limite di età, bisogna raggiungere  41 anni di contributi.


Leggi anche: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

Tutele

Inoltre, bisogna trovarsi in una delle quattro tutele richieste:

1) disoccupato che almeno da 3 tre mesi ha finito di percepire la NASPI;

2) lavoratore invalido con una percentuale del 74%;

3) lavoratore “Caregiver”;

4) lavoratori che svolgono mansioni gravose o usuranti

Questa misura non è per tutti e i molti lavoratori che arrivano a 41 anni di contributi se non hanno maturato anche il lavoro precoce e si trovano in una delle quattro condizioni esposte non può accedervi. 

Leggi anche: Pensione Quota 41 con legge 104: convivenza con il familiare