Pensione con 67 anni di età fino al 2022, tutte le possibilità di uscita con i nuovi requisiti

-
16/11/2019

Pensione di vecchiaia a 67 anni fino al 2020, confermato nella nota MEF in G.U., ecco tutte le misure pensionistiche per uscire dal lavoro fino al 2020.

Pensione con 67 anni di età fino al 2022, tutte le possibilità di uscita con i nuovi requisiti

Arriva la conferma nel decreto MEF pubblicato in G.U., che chiarisce i requisiti per poter andare in pensione nei prossimi anni. Il decreto specifica che non ci saranno variazioni sull’età pensionabile e come nel 2019 rimarrà 67 anni fino al 2022 senza nessun adeguamento all’aspettativa di vita. Analizziamo tutte le misure pensionistiche con le ultime novità inserite nella legge di Bilancio 2020.

Pensioni: tutte le alternative di uscita fino al 2022

Finalmente viene chiarito anche l’aspetto dell’innalzamento dell’età pensionabile, che preoccupava molti lavoratori. Ebbene, come già accennato è stato confermato che l’età pensionabile rimarrà 67anni fino al 2022, non ci saranno variazioni. Riepiloghiamo in breve tutte le forme pensionistiche che daranno la possibilità di uscire dal lavoro fino al 2022.

Misure pensionistiche

Elenchiamo in breve tutte le misure pensionistiche:

Pensione di vecchiaia con un requisito anagrafico di 67 anni e un requisito contributivo di un minimo di 20 anni;

Pensione di vecchiaia contributiva: questa misura poco conosciuta permette il pensionamento con 71 anni di età e 5 anni di contributi;

Pensione anticipata: non è richiesto nessun requisito anagrafico; è richiesto un requisito contributivo di 42 e 10 mesi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne;


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Pensione anticipata contributiva: anche questa misura poco conosciuta, permette l’anticipo con un requisito anagrafico di 64 anni e un requisito contributivo di 20 anni;

Quota 41: questa misura è destinata ai lavoratori precoci, cioè coloro che hanno maturato almeno un anno di contributi prima del 19° anno di età. Inoltre, è richiesto un requisito contributivo di 41 anni e il lavoratore deve trovarsi in una delle 4 categorie di tutela;

Quota 100: questa misura rimarrà in vigore fino al 2021; i requisiti richiesti sono 62 anni di età e 38 anni di contributi;

Opzione donna: prorogata anche per il 2020 con la modifica dei requisiti: potranno accedere a questa misura le lavoratrici dipendenti con 58 anni di età o le lavoratrici autonome con 59 anni di età, entrambe le categorie devono aver maturato 35 anni di contributi. Entrambi i requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2019.

Ape Sociale: in attesa di proroga per il 2020 anche questa misura che permette l’accesso con 63 anni di età e 30/36 anni di contributi in base alle tutele. Ricordiamo che l’ultima data per accedere all’ape sociale nel 2019 è il 30 novembre 2019.