Pensione con la rendita a 58 anni, è possibile anche il TFR?

-
26/03/2020

Pensione con la rendita a 58 anni e possibilità di riscuotere il TFR anticipatamente, analizziamo quando è possibile in base alle ultime disposizioni normative.

Pensione con la rendita a 58 anni, è possibile anche il TFR?

Per pensione con la rendita si intende la possibilità di accedere alla RITA, che  prestazione innovativa che funge da “ponte previdenziale”, che consente di accedere al capitale accumulato rispetto all’età necessaria per la pensione di vecchiaia. La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata è una prestazione di previdenza complementare importante sia sotto il profilo civilistico che fiscale, che investe tutti i lavoratori del settore privato e pubblico, con attenzione per gli inoccupati. Analizziamo l’aspetto degli inoccupati verificando quando è possibile fare domanda.

Pensione con la Rendita

Un lettore ci chiede: Buongiorno, desidero se possibile dei chiarimenti in merito alla mia situazione.

Ho 58 anni e sono stato dipendente pubblico per circa 30 anni e mi sono dimesso nel 2015 per motivi familiari. Da allora sono disoccupato senza alcun reddito. Ho letto che c’è la possibilità di ottenere una pensione, per esempio, usufruendo della RITA. Quali possibilità ho di ottenere una pensione anticipata? 

Inoltre, non ho ancora ricevuto il TFR. Cosa devo fare? In attesa di riscontro porgo cordiali saluti

Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA)

La Rita come sopra evidenziato è una prestazione di previdenza complementare che mediante l’adesione di un fondo permette nel caso di lavoratori inoccupati di avere una rendita fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia. I requisiti richiesti per questa categoria che permette un anticipo massimo di 10 anni, sono:


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

√ Inoccupazione superiore a 24 mesi (successiva alla cessazione del lavoro)

√ Non più di 10 anni alla maturazione dell’età per la pensione di vecchiaia (accessibile dal 2020 a 57 anni)

√ Requisito contributivo minimo di 20 anni

√  5 anni di partecipazione al sistema di previdenza complementare.

Quindi, lei può accedere alla pensione con la rendita se ha aderito ad un fondo pensione e ha versato minimo cinque anni di contributi. È da chiarire che più è alto il montante accumulato nel fondo più la misura è conveniente.

TFR: modalità e tempi

In riferimento al TFS per i dipendenti pubblici la norma che l’erogazione è a rate e nei seguenti tempi:

√ in caso di decesso o inabilità lavorativa il TFS viene erogato entro 105 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro;
√ cessazione del rapporto di lavoro per pensionamento: non prima di 12 mesi;
√ negli altri casi di cessazione del rapporto di lavoro: non prima dei 24 mesi.

Inoltre, a questi periodi va sommato altri tre mesi che l’Inps impegna per il disbrigo della pratica e la liquidazione della somma dovuta.

L’importo viene suddiviso in rate nel modo seguente:

√ importo lordo pari o inferiore a 50.000 euro, versamento in un’unica soluzione;
√ importo lordo è superiore a 50.000 euro e inferiore a 100.000 euro in due rate annuali, di cui la prima è di 50.000 euro e la seconda dell’importo residuo;
√ importo lordo è superiore a 100.000 euro, in tre rate annuali, di cui la prima e la seconda rata entrambe di euro 50.000, la terza dell’importo residuo.

Le consiglio di rivolgersi ad un legale e sollecitare il pagamento dell’importo dovuto.  .