Pensione con l’opzione Dini: non per tutti conviene

-
14/12/2018

L’opzione Dini è una forma di pensionamento per coloro che non riescono a raggiungere i 20 anni di contributi una volta giunti all’età per accedere alla pensione di vecchiaia.

Pensione con l’opzione Dini: non per tutti conviene

Salve, sono nato nel 3-ottobre-1959

Ho contributi da minorenne (5) nell’agricoltura
1 anno di Militare
1 anno nell’edilizia
6 mesi come Vigile Urbano
3 mesi con la Forestale
25 anni con le Poste italiane (dal 1985-al 2010)
Ho letto della Opzione Contributiva Dini
e mi sembra di rientrare nei parametri che dice 
 
15 anni di contributi con calcolo contributivo della pensione
 
Minimo 5 anni di contributi dopo il 1996
Minimo 1 anno di contributo prima del 1996
 
Vorrei gentilmente sapere se ci sono le premesse per la la Pensione. 
 
Premetto che l’opzione Dini è alquanto sfavorevole per il calcolo dell’assegno pensionistico poichè prevede un ricalcolo interamente contributivo dello stesso (con perdite fino al 30% in alcuni casi).
Nel suo caso non capisco perchè voglia accedere alla pensione di vecchiaia con l’opzione Dini visto che possiede più di 32 anni di contributi. Le faccio notare che la pensione con l’opzione Dini richiede, oltre ai requisiti da lei riportati, un minimo di almeno 66 anni e 7 mesi di età nel 2018 (67 dal 2019) ovvero la stessa età di accesso alla pensione di vecchiaia che non le implicherebbe il ricalcolo contributivo della pensione.

 
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio