Pensione: conviene aspettare Quota 41 o Quota 100?

-
01/10/2019

Pensione quale misura è giusta per il pensionamento? Analizziamo i requisiti di due misure attualmente in vigore, valutando anche i fondi pensione.

Pensione: conviene aspettare Quota 41 o Quota 100?

La confusione fra le misure pensionistiche desta preoccupazione fra i lavoratori. In molti ci chiedono cosa devono fare e quale misura scegliere. Un lettore ci pone la seguente domanda: Buonasera, mi chiamo R. e in tutto questo casino di numeri (somme degli anni, quota 100, 41 anni lavorati ecc.…) non ci capisco più nulla!
Io ho iniziato a lavorare nel 1981 a 14 anni. Ora ne ho 47 e quindi ” avendo lavorato sempre a pieno regime” ho maturato 33 anni lavorativi.
Non capisco, io devo raggiungere i 41 anni lavorativi per andare in pensione? Oppure devo raggiungere quota 100? Oppure devo raggiungere il minimo di 62 anni? Grazie in anticipo per la vostra gentilezza nel rispondere. Cordialmente 

Pensione: cosa scegliere e quali sono i requisiti

Allora, analizziamo le varie possibilità in base ai requisiti. Parliamo prima di quota 41, che prevede la possibilità di uscire dal lavoro con 41 anni di contributi versati. Per poter fruire di questa misura bisogna essere un lavoratore precoce, questo significa che bisogna avere almeno un anno di contributi versati prima del compimento del diciannovesimo anno di età; inoltre bisogna trovarsi in una delle quattro categorie di tutela:

  • disoccupato licenziato che ha finito di percepire la Naspi da circa tre mesi;
  • lavoratore con invalidità uguale o superiore al 74;
  • lavoratore che assiste da circa 6 mesi il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3comma 3;
  • lavoratore che svolge una mansione usurante o gravosa.

Se si hanno i requisiti e si è maturato un cumulo contributivo di 41 anni, si può accedere a questa misura.


Leggi anche: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

Quota 100: valida per tre anni

La quota 100 invece, è accessibile a tutti, bisogna avere due requisiti fondamentali: 62 anni di età e 38 anni di contributi. La misura è sperimentale e vale solo per un triennio dal 2019 a 2021.  Dalle ultime indiscrezioni, sembra che questa misura non sarà più prorogata.

Al momento lei non ha i requisiti per accedere a nessuna delle due misure, inoltre, è ancora giovane per poter valutare un pensionamento. Le norme cambiano di continuo e al momento nulla è certo.

Fondo pensione

Le consiglio di valutare anche un Fondo pensione che oltre ad essere conveniente, può un domandi essere una valida alternativa per il pensionamento. Per maggiori informazioni sulla misura di pensionamento con i fondi pensione, consiglio di leggere: Pensione Rita, i nuovi requisiti, i chiarimenti da COVIP

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062