Pensione di reversibilità: mi spetta se ho accudito i genitori fino alla morte?

-
26/03/2020

La pensione di reversibilità può spettare ai figli che si sono presi cura dei genitori fino alla loro morte?

Pensione di reversibilità: mi spetta se ho accudito i genitori fino alla morte?

La pensione di reversibilità spetta ai superstiti del pensionato defunto. Il primo beneficiario della misura è il coniuge ma in alcuni casi spettano anche ai figli minorenni e maggiorenni. Vediamo, rispondendo alla domanda di un lettore, quando la reversibilità può essere pagata, dall’INPS, ai figli.

Pensione di reversibilità ai figli

Un nostro lettore ci chiede:

Buongiorno, ho accudito i miei genitori fino alla loro morte, mio padre percepiva la pensione di lavoratore statale (faceva il bidello) mia madre percepiva solo l’accompagnamento, io ho 61 anni è gli ultimi 2 anni ero in disoccupazione, essendo scaduto il contratto di lavoro, per occuparmi dei miei genitori, la domanda è, avrei diritto alla pensione di reversibilità? Tenga presente chi i miei genitori erano molto anziani ed inabili a tutto. Grazie ad eventuale risposta.

La pensione di reversibilità è una prestazione che l’INPS eroga, a domanda, ai superstiti del pensionato deceduto. In presenza del coniuge, la misura spetta a quest’ultimo; se ci sono figli minorenni, studenti fino a 26 anni o inabili, la quota spettante al coniuge viene maggiorata in percentuale.

Ai figli la prestazione spetta, in mancanza del coniuge, solo nei seguenti casi:

  • se al momento del decesso del pensionato sono minorenni
  • se al momento del decesso del pensionato sono studenti universitari fino a 26 anni e solo per gli studi in corso regolamentare
  • se sono totalmente inabili a proficuo lavoro ed erano mantenuti dal genitore prima del decesso.

In ogni caso è fondamentale la vivenza a carico del genitore deceduto e il mantenimento da parte di quest’ultimo.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Nel suo caso, purtroppo, l’essersi preso cura dei suoi genitori fino al loro decesso, il fatto che fossero anziani e inabili non è d’aiuto nel diritto di percezione della pensione di reversibilità. La misura non le spetta poichè, come lei stesso chiarisce affermando di essere in disoccupazione, lei non era a suo carico e non rientra in nessuna delle casistiche sopra elencate che danno diritto ai figli alla percezione della pensione ai superstiti.