Pensione di reversibilità: non solo al coniuge, anche per figli e nipoti, ecco quando

-
14/03/2020

La pensione di reversibilità spetta anche ai figli ma solo se il coniuge non c’è. Altrimenti il coniuge superstite, se il figlio è a carico, riceve una percentuale più alta della pensione del defunto.

Pensione di reversibilità: non solo al coniuge, anche per figli e nipoti, ecco quando

La pensione di reversibilità è diretta se il deceduto è già titolare di pensione, è indiretta se, invece, non è titolare di pensione ma possedeva i requisiti per accedervi o per la pensione di invalidità. La pensione di reversibilità è una pensione ai superstiti che spetta, in primis, al coniuge del lavoratore o del pensionato venuto a mancare. La pensione di reversibilità, in ogni caso, in presenza di determinati requisiti, spetta anche a figli e nipoti. Vediamo quando.

Pensione di reversibilità ai figli

Un nostro lettore ci scrive:

Mio padre è morto da qualche mese e sono rimasto solo con mia madre che percepisce la pensione di reversibilità. Io ho 24 anni e studio all’Università. Un mio amico mi ha detto che la pensione di reversibilità spetterebbe anche a me. Le mie domande sono 2: mi spetta? e se la danno anche a me diminuiscono quella di mia madre?

E’ vero quello che le è stato detto, la pensione di reversibilità spetta anche ai figli se in possesso di determinati requisiti ed in ogni caso la prestazione viene liquidata ai figli solo qualora il coniuge del dante causa non ci sia. Nel suo caso, quindi, la sua quota va ad aumentare la percentuale ricevuta da sua madre.


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

Per i figli la pensione di reversibilità spetta se:

  • sono minorenni,
  • hanno fino a 21 anni e frequentano la scuola secondaria
  • hanno fino a 26 anni e sono studenti universitari
  • sono inabili q proficui lavoro.

Per il solo coniuge spetta il 60% della pensione del deceduto.

Se il coniuge ha 1 figlio a carico spetta l’80% della pensione.

Se il coniuge ha 2 o più figli a carico spetta il 100% della pensione.

Sua madre, quindi, avendo lei a carico che ha 24 anni ed è studente universitario, percepirà l’80% della pensione di suo padre invece del 60% che le spetterebbe se lei non fosse a carico.

I figli, in assenza del coniuge, possono avere percentuali della pensione del genitore deceduto, ma non è il suo caso.

Per i nipoti a carico del nonno deceduto si applicano le stesse regole che si applicano per i figli.

leggi anche: Pensione di reversibilità: attenzione al significato di familiare a carico

Pensione di reversibilità: ecco quando al coniuge separato e divorziato