Pensione di vecchiaia anticipata per invalidi: a chi spetta? Requisiti e domanda

Per le persone con un’invalidità pari o superiore all’80% c’è la possibilità di accedere ad un anticipo pensionistico che non molti conoscono: la pensione di vecchiaia anticipata per le persone invalide che, però, è riservata soltanto ai dipendenti del settore pubblico.

I requisiti di accesso a questa forma di previdenza particolare sono abbastanza stringenti e riguardano una platea molto ristretta di beneficiari. Possono fruirne infatti solo coloro che hanno un’invalidità riconosciuta pari o superiore all’80% con i seguenti requisiti anagrafici e contributivi:

  • 55 anni e 7 mesi di età per le donne nel 2018
  • 60 anni e 7 mesi di età per gli uomini  nel 2018
  • almeno 20 anni di contributi accreditati.

pensionePensione di vecchiaia anticipata

Per la pensione di vecchiaia anticipata, però, non basta l’invalidità civile riconosciuta dall’Inps ma serve una sorta di invalidità “pensionabile”, quindi il richiedente dovrà sottoporsi ad un’ulteriore visita di una Commissione Medica dell’Inps che accerterà se sussistono i requisiti per accedere alla pensione in questione. Questo ulteriore passaggio, quindi, non garantisce a tutti gli invalidi con percentuale superiore all’80% la possibilità di fruizione della pensione di vecchiaia anticipata.

La pensione di vecchiaia anticipata, inoltre, richiede una finestra mobile di 12 anni dalla maturazione dei requisiti per l’erogazione della pensione.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]

Pensione di vecchiaia anticipata per invalidi: a chi spetta? Requisiti e domanda ultima modifica: 2018-07-21T11:42:03+00:00 da Redazione NotizieOra

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.