Pensione donna 2020: requisiti e finestra di uscita, per la domanda bisogna attendere

-
03/04/2020

Pensione per le lavoratrici dipendenti e autonome nel 2020 con l’Opzione donna: requisiti e finestre mobili, bisogna rispettare i termini per la domanda.

Pensione donna 2020: requisiti e finestra di uscita, per la domanda bisogna attendere

Pensione per le lavoratrici con Opzione donna anche nel 2020, i requisiti richiesti sia lavoratrici dipendenti che autonome possono uscire dal lavoro anticipatamente all’età di 58 (dipendenti) 59 (autonome) con un requisito contributivo di 35 anni Entrambi i requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2019. 

Pensione donna 2020: la finestra di uscita blocca la domanda

Una lettrice ci pone la seguente domanda sulla pensione Opzione donna nel 2020: Buongiorno ho 58 anni di età compiuti il 19/07/61 ho chiesto ecocert ALL’INPS 38 anni di contributi, la loro risposta è stata che l’opzione donna richiede 12 mesi di finestra che finisce a luglio 2020…quindi domanda respinta al momento ma che potrei riformulare la richiesta tale mese con decorrenza 01/08/2020. Ecco questo è un punto che non riesco a capire certa della risposta attendo notizie grazie e buona giornata

La risposta dell’Inps

Gentile …..,

In merito alla sua richiesta avente ID 1-……. effettuata all’Istituto INPS in data 28/02/2020, le comunichiamo quanto segue:

Gentile sig.ra

lei ha raggiunto il requisito anagrafico ovvero 58 anni  il 19/07/2019  e l’Opzione donna prevede una finestra di 12 mesi dal raggiungimento dei requisiti di età e contribuzione, per cui la prima decorrenza utile sarebbe 01/08/2020. Pertanto, la domanda in oggetto è stata respinta, ma lei può ripresentarla entro il mese di luglio 2020 con la decorrenza su indicata.
Cordiali saluti

Cordiali Saluti

Opzione donna e finestra mobile

A differenza delle altre pensione, nella pensione Opzione donna è  previsto un sistema di finestre mobili differenziate per lavoratrici dipendenti e autonome. Tramite queste finestre le lavoratrici  devono attendere un fattore temporale tra la maturazione del diritto alla pensione e la corresponsione del primo assegno. 


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

 La pensione Opzione donna ha la seguente decorrenza:

  • per le lavoratrici dipendenti 12 per i requisiti maturati al 31 dicembre 2019, decorrenza il 01/01/2021;
  • per le dipendenti del comparto scuola o Afam 1° settembre e 1° novembre 2020;
  • lavoratrici autonome 18 mesi con requisiti  maturati al 31/12/2019, decorrenza pensione 01 luglio 2021.

Viene infatti previsto un sistema di finestre mobili differenziate per lavoratrici dipendenti e autonome, le quali devono cioè attendere un certo periodo di tempo tra la maturazione del diritto alla pensione e la corresponsione del primo assegno. 

La motivazione riguarda la maturazione della finestra mobile tipica per questa forma pensionistica.

⇒ Pensione Opzione donna nel 2020 con 35 anni di contributi e finestre, tranne per il comparto scuola