Pensione e prestito alle persone ultrasessantenni, di cosa si tratta? Le novità

-
24/07/2018

Pensione e prestito alle persone ultrasessantenni, di cosa si tratta? Le novità

Il prestito vitalizio ipotecario, introdotto dalla L. 44/2015, è un’erogazione a medio-lungo termine con  capitalizzazione annuale degli interessi e delle spese, concessa da banche o altri intermediari, e garantita da un’ipoteca sull’immobile a uso abitativo, alle persone ultrasessantenni. Tale agevolazione, come denunciato dalle associazione dei consumatori, è rimasta poco applicata a causa delle complicazioni burocratiche e degli oneri che comporta.

Pensionati: difficoltà ad avere prestiti

Pignoramento conto pensione
Lavoro e Diritti

In Italia undici milioni di persone di età superiore a sessantacinque anni sono proprietari dell’immobile di residenza.
Una consistente parte di essi dispone di un reddito mensile inferiore a 500 euro e dichiara di non essere in grado di fare fronte ad una spesa imprevista di 1.000 euro.

Compiuti i sessantacinque anni non è semplice ottenere un finanziamento da parte di un istituto bancario. In effetti le persone non più giovani hanno un accesso al credito con molte restrizioni poiché oltre a dover dimostrare la propria capacità reddituale e di rimborso devono comprovarne la sostenibilità nel tempo. Bisogna considerare che molti over 65 passano dal regime di stipendio a quello pensionistico e più in generale da una fase di accumulo ad una di smobilitazione dei risparmi.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Prestito vitalizio: legge 248/2018

Sulla base di tale allarmante situazione il nostro legislatore ha introdotto con la L 248 / 2005 una nuova forma di mutuo
denominata prestito vitalizio ipotecario dedicato agli ultrasessantacinquenni che intendono integrare la propria pensione
con una rendita vitalizia grazie alla casa di proprietà. Si tratta, in sintesi, di un finanziamento a medio e lungo termine con
capitalizzazione annuale di interessi e spese e rimborso integrale in un’unica soluzione alla scadenza, assistito da ipoteca
di primo grado su immobili residenziali, riservato a persone fisiche di età superiore ai 65 anni.

Per l’ottenimento del mutuo è necessario costituire sulla casa, che deve avere un valore di stima superiore ai 75.000 €, un’ipoteca di primo grado. L’entità del prestito cresce con l’età del richiedente.

Fonte: Prestito vitalizio ipotecario di Mario Possent