Pensione e riscatto laurea anche prima del 1996 possibile ma con limiti

-
07/02/2020

Il riscatto della laurea permette di accedere alla pensione con un assegno più alto. Prevista la retroattività prima del 1996 con limiti e paletti da rispettare, analizziamo quali sono.

Pensione e riscatto laurea anche prima del 1996 possibile ma con limiti

Il riscatto laurea permette di andare prima in pensione con un assegno più altro. Il riscatto agevolato è stato previsto dal decreto-legge n. 4/2019 (convertito dalla legge n. 26/2019) e consente il riscatto dei periodi dedicati al conseguimento della laurea, rendendo il costo meno oneroso e permettendo l’avvicinarsi alla pensione. La possibilità del riscatto laurea è prevista anche per gli anni precedenti il 1996 come ha precisato ultimante l’Inps con la circolare n. 6 del 22 gennaio 2020, ma ci sono dei limiti e dei paletti da considerare, scopriamoli.

Pensione e riscatto laurea: la domanda

Buongiorno, ho 63 anni  e solo 28 anni  di  contributi. Laureata nel  1986 e specializzata nel  1989, vorrei  andare in pensione prima dei  67 anni. Sono  stata ad un patronato  ma hanno  detto  che il riscatto  agevolato non lo posso  fare. Non trovo  su  internet nessun esempio che fa al  mio caso. Potete dirmi se posso  fare il riscatto  agevolato? Grazie

Opzione contributiva e limiti

Il riscatto laurea prevede dei paletti ben precisi. Possono essere riscattati i seguenti titoli di studio: laurea a ciclo unico, triennale o quadriennale, diploma universitario della durata di 2/3 anni; diploma di specializzazione post-laurea, dottorato di ricerca (bisogna aver versato i contributi alla gestione separata Inps). Non è possibile operare il riscatto sugli anni fuori corso.


Leggi anche: Cashback 2021: come funziona il rimborso massimo e la classifica dell’App IO per il premio extra da 1500 euro

L’Inps nella circolare n. 6/2020, rende noto che estensione del riscatto laurea agevolato  prevede l’opzione del calcolo dell’assegno pensionistico con il sistema contributivo secondo quanto prevede la legge Dini. Questo comporta, quindi, che bisogna optare per l’opzione contributiva solo se si hanno i requisiti richiesti e sono: non possedere più di 18 anni di contributi maturati prima del 1996 e di possedere almeno 5 anni di contributi dopo tale data.

Per poter, quindi, fruire del riscatto agevolato della laurea sarà necessario esercitare al momento della pensione l’opzione di calcolo contributivo previsto dalla legge Dini.

Sono esclusi dal riscatto agevolato gli anni di studi per coloro che hanno più di 18 anni di contributi maturati alla data del 31 dicembre 1995.

Presumo che il patronato ha esaminato la sua posizione contributiva e ha rilevato che lei non può accedere perché ha più di 18 anni di contributi maturati alla data del 31 dicembre 1995. Può effettuare anche lei questo controllo, verificando i contributi dal suo estratto contributivo.

L’unica misura che permette al momento con i requisiti da lei in possesso il pensionamento anticipata è la RITA, anche qui ci sono vincoli ben precisi. Bisogna aver maturato almeno cinque anni in un fondo pensione. Le lascio qui un articolo dove troverà alcuni esempi di calcolo: Pensionamento con un anticipo di 5 o 10 anni

Spero di esserle stata utile.