Pensione futura INPS, ecco come sapere quando andrai in pensione

-
03/09/2018

Pensione futura: ecco come calcolare l’importo e la data dell’uscita dal lavoro, tutto quello che c’è da sapere.

Pensione futura INPS, ecco come sapere quando andrai in pensione

Pensione futura: questo servizio è stato messo a disposizione dall’INPS per offrire ulteriori informazioni, per quanto riguarda l’importo e la data dell’uscita dal lavoro.

Se andate sul portale ufficiale dell’istituto INPS, troverete una funzione che vi aiuterà a far chiarezza sull’importo e sulla futura data dell’assegno di pensione futura. Tutto questo viene calcolato in base a tutti i contributi versati.

Questa applicazione si dimostra ad essere di grande aiuto per calcolare l’importo e la data dell’uscita dal lavoro, considerando che da soli sarebbe un’impresa farlo.

Pensione futura INPS, ecco cos’è

Sul portale ufficiale dell’INPS potete trovare questa applicazione utilissima che vi aiuterà a calcolare la somma che dovete ricevere per quanto riguarda la vostra pensione futura. Se vi chiedete quale sarebbe la presunta data dell’uscita dal lavoro, potete tranquillamente appellare al servizio messo a disposizione dall’INPS. Basterebbe andare nell’area Prestazioni e servizi dell’Ente previdenziale. 

È importante sapere che il calcolo che verrà fatto, grazie a questa applicazione è comunque una stima, e viene preso in considerazione alcuni aspetti, come ad esempio:

  • quanti contributi sono stati versati al Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti
  • quanti contributi sono stati versati alla Gestione separata

Anche i lavoratori che hanno versato i contributi ad altri fondi, oppure sono stati iscritti alla Gestione Dirigenti di aziende industriali, potranno calcolare la loro pensione futura, grazie all’applicazione messa a disposizione dall’Istituto.

Ti potrebbe interessare: Pensione Supplementare, ecco quando e come fare domanda

La pensione futuraPensione futura: ecco come funziona realmente la simulazione pensione INPS

Prima di poter calcolare l’importo e la data dell’uscita dal lavoro, per sapere quando potete beneficiare della pensione futura, bisogna accedere al servizio, inserendo il codice fiscale e il pin (che è personale). L’applicazione è in grado di verificare quanti contributi sono stati versati e quanti mancano ancora per poter beneficiare della pensione. Inoltre, il servizio che è facilissimo da usare permette di calcolare l’importo che sarà versato al vostro favore della pensione anticipata oppure della pensione di vecchiaia.

Pensione: ecco cosa c’è da sapere

La normativa supporta continue modifiche, e molto probabilmente con la Legge di Bilancio 2019, sosterà la Riforma Pensioni in base alla quota 100. 

Come viene calcolata la pensione anticipata e la pensione di vecchiaia in base ai requisiti richiesti dalla legge?


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

L’applicazione pensione futura, permette di calcolare il futuro importo che verrà erogato sia per la pensione anticipata sia per la pensione di vecchiaia. Ovviamente i requisiti verranno controllati, e la pensione anticipata e quella della pensione futura, potrà essere richiesta se la domanda è stata inoltrata.

Bisogna sapere che sono necessari 42 anni e 10 mesi per quanto riguarda gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Senza dubbio non sono a sufficienza solo questi requisiti, ma bisogna essere adeguati alle future aspettative e soprattutto alle continue decisioni del Governo, per quanto riguarda la riforma delle Pensioni.

Ecco come fare domanda per la pensione di vecchiaia e per la pensione anticipata

La domanda si può fare online direttamente all’INPS, attraverso l’apposito servizio. Per i meno esperti, è possibile fare domanda tramite il Contact center Inps al numero 803 164 (gratuito da rete fissa), per la rete mobile è possibile telefonare al numero 06 164 164; oppure tramite enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Leggi anche: Assegno ordinario di invalidità: cos’è, a chi spetta e come fare domanda