Pensione: novità sull’accredito in banca e in posta, ecco cos’è cambiato

-
02/04/2020

Dal 10 aprile 2020 sarà possibile richiedere in forma agevolata l’accredito della pensione sul conto corrente bancario o postale. L’INPS consiglia l’accredito della pensione per evitare il pericolo di assembramenti.

Pensione: novità sull’accredito in banca e in posta, ecco cos’è cambiato

Pensioni è stata semplificata la prassi per poter richiedere l’accredito. In linea generale, il titolare della pensione specificava come intendeva riscuotere l’assegno nell’immediatezza dell’istanza di pensione. Avvalendosi della facoltà di modificare la modalità di riscossione in ogni momento, attraverso il servizio dedicato dell’INPS, utilizzando i moduli AP03 e AP04 per immettere le indicazioni inerenti le coordinate per l’accredito dell’assegno pensionistico. Una procedura semplice, ma che tuttavia doveva essere convalidata dall’ufficio indicato al pagamento.

Pensione accredito su conto corrente dal 10 aprile

Con il subentro delle misure ristrettive dovute all’emergenza dell’epidemia da Covid-19, l’INPS ha disposto un’ulteriore semplificazione alla procedura per richiedere l’accredito della pensione. Al fine di assistere al meglio, tutti i pensionati che decidano di modificare le modalità di accredito del cedolino pensionistico. Dando la possibilità di poter indicare sia un conto corrente bancario, ossia presso un istituto di credito, oppure, scegliere un conto presso un ufficio di Poste Italiane presente sul territorio nazionale.

La base della novità è rivolta ai pensionati, che in tutta tranquillità possono scegliere dove far accreditare la propria pensione. Sostanzialmente, i pensionati dal 10 aprile 2020, potranno optare per l’accredito della pensione presso la banca o la posta. Un’innovazione disposta dall’INPS, per evitare l’affollamento presso gli uffici postali per ritirare la pensione.


Leggi anche: Pensione di maggio pagamento anticipato: non per le banche

Con l’accredito della pensione sul conto corrente bancario o postale, si taglia il rischio della possibile diffusione del Codid-19. Resta da dire che, come è avvenuto per il mese di marzo, anche per il mese di aprile Poste Italiane ha disposto delle date di pagamento della pensione. Tuttavia, è facile che negli uffici postali si creano dei pericoli di contagio dovuti all’assembramento di persone in fila per ritirare la pensione.

Pensione: come modificare l’accredito

Dal 10 aprile per poter inserire le coordinate bancarie o postali, bisogna utilizzando il portale dell’INPS. La procedura è stata facilitata, in quanto, basta inserire solo i dati relativi al conto corrente bancario o postale (libretto, carta ricaricabile ecc.), non necessita di allegare alcun documento che comprovi la conferma dell’ente o istituto del conto.

In sintesi, vista l’alto rischio di contagio dall’epidemia da Covid-19 per evitare l’ammassamento di persone agli uffici postali e, quindi, una possibile diffusione del virus. L’INPS suggerisce l’accredito della pensione, al fine di scongiurare un’inutile “calca” presso gli uffici postali. Utilizzando la procedura semplificata per l’accredito della pensione sul conto corrente bancario o postale. L’operazione di accredito consente di poter ritirare la pensione comodamente usufruendo dei circuiti bancomat o postamat.