Pensione Opzione donna 2019, decreto rivisto, speranza per le nate del 1960

La bozza del decreto riforma pensioni, che contiene anche la proroga Opzione donna per il 2019, da indiscrezioni, ha subito modifiche importanti. Le integrazioni apportate riguarderebbero sia per la quota 100 per il comparto scuola,  sia per le lavoratrici nate nel 1960 per l’ingresso in Opzione donna. Per avere la certezza, bisogna attendere che il decreto diventi definitivo, si attende la pubblicazione a breve. Analizziamo tutte i requisiti e le criticità dell’Opzione donna che sarà prorogata nell’anno corrente.

Pensione Opzione donna e caregiver

1) Buonasera, mi sembra che l’opzione donna sia una gran vigliaccata ci hanno illuso che davano la possibilita’anche alle nate nel 62 di poterne usufruire, adesso come i gamberi addirittura alle nate nel 59 ma queste oggi ne hanno 60 di anni quindi è solo un’ulteriore beffa, io che maturo 57 anni a giugno e 35 contributivi a dicembre assistendo con 104 la mamma invalida 100% dal 2012 essendo ora in congedo parentale II anno, non potendo riprendere il lavoro per necessità, cosa posso fare, ho qualche opportunità di poter usufruire dell’uscita anticipata in alternativa?  Vi sarei grata se vorreste indicarmi qualche soluzione al riguardo. Grazie d’anticipo, cordiali saluti.

2) Sono una docente con 35 anni contributivi e compio 57 anni il 1 luglio 2019.ho un figlio disabile grave come posso andare in pensione per poterlo accudire? Ho già esaurito il congedo straordinario. Vi ringrazio anticipatamente

Come sopra evidenziato, la platea per le lavoratrici si apre per le nate fino al 1960 (ancora non ufficiale), quindi entrambe le lettrici con questa misura non rientrano. Non ci sono molte alternative con i requisiti matutati per la pensione anticipata. E’ stata prorogata anche l’Ape sociale per il 2019 che prevede la figura del caregiver, ma i requisiti richiesti sono 63 anni di età anagrafica e 30 anni di contributi.

Pensione Opzione donna prorogata anche per gli anni successivi

1) Mi sembra di capire che le nate nel 1961, pur avendo maturato gli anni previsti per il pensionamento, siano esclusi. Chiedo se viene contemplata una durata di validità di Opzione donna, in tal caso l’anno prossimo dovrebbero includere le nate nel 1961.Certa di un vostro riscontro, porgo Distinti saluti

La proroga Opzione donna nella bozza del decreto pensione sarà prorogata solo per l’anno in corso, non si sa se la misura sarà prorogata negli anni successivi. Inizialmente, si parla di rendere strutturale la misura, ma poi nel corso dello studio del decreto, la proroga è solo per il 2019.

Rientreranno anche le nate nel 1960

1) Buonasera vorrei sapere se ho diritto ad una pensione anticipata, tipo opzione donna, ho oltre 37 anni di contributi e 58 anni, grazie.

2) Salve, sono nata a marzo del 1960 e ho maturato complessivamente 34 anni e 8 mesi di contributi, di cui 30 mesi in cassa integrazione straordinaria. Tra 4 mesi, ossia al raggiungimento dei 35 anni, potrei accedere alla pensione mediante Opzione Donna?

Da indiscrezioni, sembra che il decreto sulla riforma pensioni sia stato modificato, integrando anche le lavoratrici nate nel 1960. Per avere una certezza, bisogna attendere che il diventi ufficiale. I requisiti contributivi richiesti sono 35 anni di contributi effettivi, se non si è maturato questo requisito non è possibile accedere a questa misura.

Contributi figurativi utili alla pensione

1) Nella precedente Opzione Donna potevano essere calcolati i contributi figurativi da Mobilità… a differenza di quelli da disoccupazione e malattia… è stato cambiato il de reato in questo senso? Grazie

2) Avendo iniziato a lavorare nel maggio 1982 con  6 mesi di aspettativa non retribuita. volevo chiedere se nel computo dei 35 valgono il totale delle settimane lavorative utili oppure necessariamente 35 anni continuativi effettivi. Grazie

La proroga non ha modificato la struttura della misura, quindi per i contributi figurativi non è cambiato nulla, è stato modificato solo il requisito anagrafico. Resta comunque una misura penalizzante, sia per i contributi effettivi richiesti tagliando fuori i figurativi (malattia, ecc.), sia per il calcolo dell’assegno con il sistema contributivo.

Pensione Opzione donna per le nate nel 1959

1) Salve sono nata a marzo 1959 e ad oggi ho 35 anni di anzianita e 7 mesi secondo voi poi accedere ad Opzione donna e quanto avrò di pensione. Grazie

Appena il decreto di riforma pensioni sarà ufficiale, e l’Inps avrà emanato le circolari con le nuove istruzioni e moduli, lei potrà fare domanda di adesione. Bisogna attendere il decreto ufficiale. Esiste una penalizzazione dal 25 – 35% rispetto all’ultima contribuzione, molto dipende anche dai contributi versati. Per avere una previsione dell’assegno che andrà a prendere con l’Opzione donna, le consiglio di rivolgersi ad un patronato, così potrà verificare anche la sua situazione contributiva.

Contributi effettivi e validi

1) Scusate, ma per quello che so io, solo i contributi figurativi dovuti a malattia o disoccupazione ( Naspi ) , non sono validi ai fini dell’opzione donna. I contributi relativi alla cassa integrazione, mobilità e maternità sono ammessi. Sono stata male informata? Grazie mille per la risposta.

Per il perfezionamento della contribuzione utile al raggiungimento dei 35 anni di  contributi, nel limite è di 52 settimane annue, per contributi accreditati a qualsiasi titolo (obbligatori, da riscatto e/o da ricongiunzione, volontari, figurativi). Per le lavoratrici iscritte all’assicurazione generale obbligatoria (lavoratrici dipendenti del settore privato) non concorrono però i contributi accreditati per malattia e disoccupazione.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”