Pensione Opzione donna 2019: requisiti e cristallizzazione per domanda nel 2020

-
12/03/2019

Pensione Opzione donna 2019, nuovi requisiti, penalizzazione con il calcolo contributivo e cristallizzazione per domanda nel 2020.

Pensione Opzione donna 2019: requisiti e cristallizzazione per domanda nel 2020

La proroga della pensione anticipata Opzione donna nel 2019 è stata inserita nel Decreto Legge  n. 4/2019, con nuovi requisiti. L’articolo 16 del decreto, stabilisce che le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2018, un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e 59 anni, se lavoratrici autonome, possono accedere alla pensione anticipata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo.

Pensione opzione donna 2019: penalizzazione

Il calcolo dell’assegno con il sistema contributivo ha reso questa misura molto penalizzante, causando una riduzione del 25 – 30% dell’assegno pensionistico in base all’ultima retribuzione percepita. Per maggiori informazioni su come viene calcolato l’assegno con il sistema contributivo consiglio di leggere: Pensione Opzione donna 2019: come si calcola l’assegno con il sistema contributivo

Resta comunque, una valida alternativa per le lavoratrici che per motivi familiari o altro, decidono di anticipare la pensione. Analizziamo il quesito di una lettrice che ha maturato i requisiti ma vorrebbe fare la domanda nel 2020.

Pensione Opzione donna: cristallizzazione e domanda nel 2020

Buongiorno, ho acquisito tutti i diritti per opzione donna entro il 31 dicembre 2018, ma volevo capire bene se potevo fare la domanda anche nel 2020 . Sono una dipendente pubblica e come tale devo sempre fare la domanda di dimissioni 6 mesi prima? Grazie 


Leggi anche: Bonus casalinghe 2021: attesa per i decreti attuativi, requisiti e come funziona

Opzione donna: effetto della cristallizzazione

La cristallizzazione permette di fare domanda in un momento successivo una volta acquisito il diritto per accesso alla pensione. Nel caso specifico della misura Opzione donna, il diritto si acquisisce quando entrambi i requisiti sono stati maturati al 31 dicembre 2018.

Ricordiamo che i requisiti richiesti per poter accedere alla misura, in base al D.L. n. 4/2019, prevedono che possono fare domanda “le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2018, un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e 59 anni, se lavoratrici autonome”.

È possibile leggere qui tutte le Faq aggiornate su Opzione donna: cristallizzazione, requisiti, contributi figurativi