Pensione opzione donna 2020: quando si apre finestra di 12 mesi

-
04/11/2019

Come si calcolano i 12 mesi di finestra di attesa per il pensionamento con l’opzione donna? Vediamo di fare chiarezza.

Pensione opzione donna 2020: quando si apre finestra di 12 mesi

La prima bozza della legge di Bilancio 2020 ha reso note le  intenzioni del governo sulla proroga dell’opzione donna che permetterà anche alle lavoratrici che hanno raggiunto i requisiti di accesso al regime sperimentale entro la fine del 2019 di poter beneficiare del pensionamento anticipato con la misura a fronte di un ricalcolo interamente contributivo dell’assegno pensionistico.

Pensione opzione donna e finestra di 12 mesi

Una nostra lettrice ci chiede:
 
Buonasera, ho raggiunto il compimento dei 58 anni essendo nata nel 1961 ed ho alle spalle 37 anni
di lavoro. Vorrei aderire al progetto sopracitato e vorrei capire se dopo la domanda dovrò aspettare un
anno per percepire la pensione e quindi dal 2021 o se la finestra andrà ad aprirsi dal 1 giugno 2020 in
considerazione del fatto che gli anni li faccio a maggio.
 
Grata per la risposta che vorrete darmi saluto cordialmente.
 
La normativa stabilisce che le lavoratrici che accedono alla pensione con l’opzione donna debbano attendere  12 mesi di finestra per poter avere la liquidazione della pensione. I 12 mesi di finestra partono a decorrere dal raggiungimento dei requisiti e, quindi, anche essendoci una proroga che riparte dal 2020 della misura se una lavoratrice ha raggiunto i requisiti anagrafici e contributivi prima della fine dell’anno la finestra di attesa di 12 mesi si calcola dal momento che entrambi i requisiti sono stati raggiunti.

Nel caso in questione, quindi, avendo raggiunto il requisito contributivo da 2 anni e quello anagrafico dal maggio 2019, la decorrenza della pensione con il regime sperimentale dovrebbe decorrere a partire dal 1 giugno 2020.