Pensione Opzione donna a rischio, ecco perchè

-
20/10/2018

Parla l’Ex ministro del Lavoro, Damiano che lancia l’allarme sulle coperture economiche per misure come l’opzione donna

Pensione Opzione donna a rischio, ecco perchè

A parlare è l’Ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano che lancia l’allarme sulle coperture economiche. Nel Documento di Economia e Finanza ci sono 6,7 miliardi di euro solo per la Quota 100.

Le parole di Cesare Damianodamiano3

“Per il momento abbiamo solo il Documento Programmatico di Bilancio che il Governo ha inviato a Bruxelles. Si tratta di una ‘griglia’ ancora generica nella quale emergono alcune prime indicazioni: per la Quota 100 vengono stanziati 6,7 miliardi e la stessa cifra per Reddito e Pensione di cittadinanza”.

Queste sono le parole di Cesare Damiano, del Partito Democratico, in merito alla legge di Bilancio. Continua :

“Già così le risorse appaiono molto esigue, ma, quello che sorprende, è che nelle dichiarazioni alla stampa il Governo annuncia altre misure, non contenute nel Documento, come il prolungamento della sperimentazione di Opzione Donna, che costano miliardi.”

Tanti interrogativi

E’ legittimo, dunque, porsi domande del genere: come verranno coperte? Che fine ha fatto la promessa di risolvere anche la questione della nona salvaguardia degli esodati? E che fine hanno fatto i 41 anni di contributi che, da soli, sono stati valutati dall’Inps, nella scorsa legislatura, con un costo pari a 6 miliardi all’anno? Sono tutte domande che forse troveranno a risposta, si spera, con i dettagli della legge di Bilancio e nel complesso dibattito parlamentare.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

“L’importante è raccontare la verità. Intanto una buona notizia: la marcia indietro del Governo sulle pensioni d’oro. Pare che venga abbandonata la strada, pericolosa e anticostituzionale, del ricalcolo retroattivo dell’età. Pare che si torni all’ipotesi del contributo di solidarietà, che avevo suggerito già dall’inizio. Ci auguriamo che sia vero”.Così conclude Cesare Damiano.