Pensione opzione donna con proroga: quando la decorrenza?

-
04/01/2020

Con la proroga dell’opzione donna quando scatta la decorrenza della pensione in base alla finestra di attesa?

Pensione opzione donna con proroga: quando la decorrenza?

La proroga all’Opzione donna contenuta nella legge di Bilancio 2020 permette a chi raggiunge i requisiti di accesso alla misura entro il 31 dicembre 2019, di potersi pensionare nel corso del 2020, dopo una finestra di attesa dal raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi richiesti. Si ricorda che per le lavoratrici autonome sono richiesti 59 anni di età e una finestra di attesa di 18 mesi, per le dipendenti, invece, 58 anni di età e una finestra di 12 mesi.

Pensione opzione donna e finestra di attesa

Una lettrice ci scrive:

Buongiorno sono una signora che ha compiuto 58 anni nel mese di febbraio 2019 e quasi 40 anni di contributi e lavoro nel privato.
Vorrei andare in pensione con Opzione donna, secondo voi la mia finestra di uscita quando sarebbe?
La data del 1 Settembre 2020 come mettono nel sito delle pensioni cosa vuol significare? Devo aspettare fino a quella data per uscire dal lavoro?
Allora a quel punto la mia finestra non sarà più di 12 mesi diventa di 19 mesi.
Gentilmente mi potete dare qualche notizia?
Ti ringrazio anticipatamente.

Non so quale sito delle pensioni abbia consultato, ma nel suo caso la decorrenza della pensione con opzione donna scatta dal 1 marzo 2020 (dopo 12 mesi dal compimento dei 58 anni di età, possedendo ampiamente i contributi richiesti).


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

L’unica cosa che mi viene da pensare è che abbia consultato un sito per il pensionamento del personale del comparto scuola per il quale, indipendentemente dalla data di raggiungimento dei requisiti di accesso, la decorrenza della pensione è sempre il 1 settembre 2020 (e di ogni anno).

Per capire la data di decorrenza della sua pensione, che le ribadisco essere dal 1 marzo 2020, potrebbe rivolgersi ad un patronato o un professionista abilitato o consultare il suo fascicolo previdenziale sul sito dell’INPS se è in possesso di PIN.