Pensione Opzione donna: cristallizzazione del diritto, ecco di cosa si tratta

-
14/06/2019

Pensione Opzione donna: per effetto della cristallizzazione del diritto la domanda è possibile farla anche in anni successivi: ecco di cosa si tratta.

Pensione Opzione donna: cristallizzazione del diritto, ecco di cosa si tratta

La proroga della pensione anticipata Opzione donna nel 2019 è stata inserita nel Decreto-legge n. 4/2019. L’articolo 16 del decreto, stabilisce che possono fare domanda di pensionamento: le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2018, un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e 59 anni, se lavoratrici autonome. L’assegno pensionistico sarà calcolato con il sistema contributivo.

Opzione donna dopo la Naspi

Buonasera, vorrei cortesemente sapere se posso fare domanda OD dopo la Naspi ho raggiunto i requisiti nel 2017 e sono stata licenziata ad aprile 2019 adesso sto percependo la Naspi posso attendere per la domanda? Dove troverò la risposta a questa mia mail? Grazie aspetto fiduciosa

Opzione donna: effetto della cristallizzazione

La cristallizzazione permette di fare domanda in un momento successivo alla maturazione dei requisiti, l’importante è aver acquisito il diritto per accesso alla pensione. Nel caso specifico della misura pensionistica, il diritto si acquisisce quando entrambi i requisiti sono stati maturati al 31 dicembre 2018.

Quindi in risposta alla nostra lettrice, se lei ha maturato entrambi i requisiti nel 2017 oppure entro il 31 dicembre 2018, può accedere alla misura quando vuole, per effetto della cristallizzazione.


Leggi anche: Pensioni e quota 100: con cristallizzazione anche dal 2022

È possibile leggere qui tutte le FAQ aggiornate su Opzione donna: cristallizzazione, requisiti, contributi figurativi