Pensione quindicenne: è cambiato qualcosa?

-
13/12/2019

Cosa fare se in possesso di 18 anni di contributi non si riesce ad accedere alle pensioni quindicenni? L’alternativa potrebbe essere il versamento dei contributi volontari.

Pensione quindicenne: è cambiato qualcosa?

Anche se non tutti ne sono a conoscenza, esistono delle deroghe alla legge Fornero che permettono l’accesso alla pensione di vecchiaia a 67 anni con soli 15 anni di contributi anzichè 20. Le deroghe in questione, però, richiedono il rispetto di specifici requisiti contributivi che non sempre sono facili da raggiungere. Vediamo lo specifico caso rispondendo al quesito di una nostra lettrice.

Pensione con 15 anni di contributi

Una lettrice ci scrive:

Vorrei cortesemente sapere se per quanto
riguarda la deroga Amato sia cambiato qualcosa sul fatto che i quindici anni siano stati maturati entro il 1992.
Io mi sono pensionata con assegno sociale
perché  pur avendo 18 anni anni di contributi,questi erano stati maturati fino al 96.
Vi ringrazio .

La deroga cui si riferisce per accedere alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi è la prima prevista dalla Legge Amato. Con questa deroga si permette di accedere al pensionamento con 15 anni di contributi al compimento dei 67 anni il lavoratore che abbia maturato almeno 15 anni di contributi prima del 31 dicembre 1992. Non è, quindi, cambiato nulla al riguardo e non può optare per questo tipo di pensionamento.

Le deroghe che permettono la pensione quindicenne sono rimaste immutate negli ultimi anni e se non è riuscita ad accedervi al momento che ha richiesto l’assegno sociale, purtroppo, nulla è cambiato. 


Leggi anche: Smart working per statali: ipotesi anche dall’estero

Se nella sua vita lavorativa, però, ha versato almeno un contributi nella Gestione separata (e nulla toglie che potrebbe farlo anche adesso se trova il modo) potrebbe optare per il computo nella gestione separata ed accedere con i suoi 18 anni di contributi alla pensione di vecchiaia contributiva al compimento dei 71 anni di età.

Altre possibilità di pensionamento, purtroppo, se ha soltanto 18 anni di contributi non ce ne sono. L’alternativa, anche se onerosa, sarebbe quella di versare per 2 anni i contributi volontari per raggiungere i 20 anni di contributi richiesti per l’accesso alla pensione di vecchiaia.