Pensione quota 100, divieto cumulo dei redditi: cos’è il lavoro occasionale?

Cosa prevede il vincolo di obbligo di non cumulare redditi da lavoro con quelli da pensione con la quota 100 e cosa si intende per lavoro autonomo occasionale?

Uno dei paletti imposti dall’accesso alla pensione con quota 100 è il divieto di cumulo di redditi da pensione con quelli da lavoro. Secondo quanto riportato nel DL 4/2019 all’articolo 14, comma 3″ La pensione quota 100 non è cumulabile, a far data dal primo giorno di decorrenza della pensione e fino alla maturazione dei requisiti per l’accesso alla pensione di vecchiaia con i redditi da lavoro dipendenti o autonomo, ad eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale, nel limite di 5.000 euro lordi annui. ”

A tal proposito una nostra lettrice ci chiede: “Buongiorno, sono insegnante statale e scelgo di andare in pensione con quota 100 (anni 64 compiuti e anni  di contributi 39 ad agosto 2019). Vorrei ancora  lavorare come autonoma, posso farlo o posso svolgere solo prestazioni occasionali? Inoltre, cosa si intende per prestazione occasionale? Grazie”

Quota 100: quale lavoro permette?

Come abbiamo letto, direttamente dal comma 3 dell’articolo 14 del decreto, non è permesso il cumulo dei redditi da lavoro con quello da pensione derivante da quota 100 fino al compimento dei 67 anni di età, fatta eccezione per i redditi derivanti da lavoro autonomo occasionale per un limite annuo massimo di 5000 euro.

Ma cosa si intende per lavoro autonomo occasionale, ci chiede la nostra lettrice?

Il lavoro autonomo per essere considerato occasionale  deve avere le seguenti caratteristiche:

  • non deve essere subordinato
  • deve essere, appunto, occasionale
  • deve rappresentare una prestazione d’opera o di un servizio compiuta dietro un corrispettivo in denaro
  • la prestazione non deve essere duratura e continuativa
  • la prestazione non deve essere coordinata dal committente
  • non può essere svolta all’interno di un’azienda

Il lavoro autonomo occasionale, quindi, deve essere un’attività autonoma esercitata senza vincoli che non richiede l’apertura di Partita Iva proprio perchè svolto in maniera saltuaria (e quindi svolto senza i requisiti della professionalità).

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.