Pensione Quota 100 per dipendenti pubblici in vigore da oggi 1° agosto

-
01/08/2019

È in vigore da oggi 1° agosto la pensione “quota 100” per i dipendenti pubblici, con un minimo di 38 anni di contributi e 62 anni di età

Pensione Quota 100 per dipendenti pubblici in vigore da oggi 1° agosto

È in vigore da oggi 1° agosto la pensione “quota 100” anche per i dipendenti pubblici, che potranno andare in pensione con un minimo di 38 anni di contributi e 62 anni di età e per i quali la somma dell’età anagrafica e di quella contributiva arrivi alla soglia di 100.

Decorrenza della pensione

La normativa riporta che i dipendenti pubblici, tenuto conto della specificità del rapporto di impiego nella pubblica amministrazione e dell’esigenza di garantire la continuità ed il buon andamento dell’azione amministrativa, si applica la segent4e disciplina:

  • i dipendenti pubblici che maturano entro la data di entrata in vigore del presente decreto i requisiti previsti dal comma 1, conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico dal 1° agosto 2019;
  • i dipendenti pubblici che maturano dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto i requisiti previsti dal comma 1, conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi sei mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi;
  • la domanda di collocamento a riposo deve essere presentata all’amministrazione di appartenenza con un preavviso di sei mesi;
  • limitatamente al diritto alla pensione quota 100, non trova applicazione l’articolo 2, comma 5, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125.

Pensione Quota 100 e maggiorazioni contributive, sono utili ai 38 anni richiesti?