Pensione Quota 100, Riforma Fornero e pensione di cittadinanza in vigore dal 2019, ultime novità

Pensione Quota 100, Riforma pensione e reddito di cittadinanza sono attuabili dal 2019. La nuova edizione del Documento di Economia e Finanza (Def), approvata dal Consiglio dei Ministri, contiene tutte le informazioni utili circa la nuova manovra finanziaria. Complessivamente nel dettaglio la descrizione dei costi, ma anche delle coperture dirette all’operatività delle varie misure promosse dal governo, quali: il superamento della Legge Fornero, Flat tax, reddito di cittadinanza, e sgravi fiscali diretti alle aziende ecc.

La nota di aggiornamento al Documento (NADEF), ipotizza un rapporto deficit/Pil al 2,4% per gli anni che vanno dal 2019 al 2021. Una soglia, superiore rispetto al suggerimento di Bruxelles, ma nel complesso fedele ai programmi caldeggiati dal contratto di Governo promosso dalla Lega e Movimento 5 Stelle. Confermate nella manovra di cambiamento, le misure di pensione anticipata, necessarie per garantire un posto di lavoro ai giovani, grazie all’eliminazione dei paletti voluti dalla Legge Fornero.

La Legge di Bilancio 2019, porta in grembo una variazione di circa 13,6 miliardi destinati alle risorse aggiuntive. Tutto sommato, la manovra finanziaria subisce uno scossone superiore ai 30 miliardi di euro, destinati ai principali punti fissati dal governo di cambiamento. Al momento, i nodi cruciali su cui verte un dibattito molto accesso riguardano, la definizione della Quota 100 che porta alla riduzione dell’età anagrafica pensionabile, la falciatura delle pensioni d’oro e l’introduzione della pensione di cittadinanza.

Pensione Quota 100: quali vincoli sono stati introdotti nella misura?

Nasce la necessità di capire esattamente quali vincoli saranno introdotti nella Quota 100. Seppure è vero, che si è giunti a una stretta sul deficit, resta acceso il dibattito sui costi da limitare nella riforma. Spunta l’ipotesi che porterebbe una Quota 100 con 62 anni di età anagrafica e 38 di contributi, oppure, altra soglia che si muove in direzione con 64 anni di età anagrafica e 36 anni di contributi.

Si valuta anche l’introduzione di penalizzare direttamente l’assegno previdenziale nell’ipotesi che i lavoratori si avviino anticipatamente alla pensione attraverso la misura Quota 100. Attualmente, non è ancora chiaro lo strumento di penalizzazione, due sono le teorie, la prima porta al ricalcolo contributivo. La seconda, porta a una riduzione su ogni anno di anticipo pari all’1,5%, che ricade in diminuzione sull’assegno previdenziale.

Pensione di cittadinanza è possibile da marzo 2019

Attraverso la misura Quota 100, si potrà accedere a un piano pensionistico adeguato già dal prossimo marzo 2019. Inoltre, grazie alla sforbiciata sulle pensioni d’oro, parliamo di quelle pensioni che superano il tetto dei 4.500 euro. Sarà possibile finanziare le pensioni minime, attraverso la misura della pensione di cittadinanza.

A titolo informativo, rammentiamo che la pensione di cittadinanza rappresenta il punto sostanziale del programma sul reddito di cittadinanza. L’obbiettivo, punta a integrare con circa 780 euro gli assegni previdenziali vicini alla soglia di povertà.

Nona salvaguardia e Opzione Donna non resteranno indietro

Attraverso lo sforamento del deficit/Pil, sarà possibile tamponare anche gli altri problemi legati alla Legge Fornero. Nulla è ancora certo, ma si attendono sviluppi sulla Nona salvaguardia, che raggruppa gli esodati lasciati fuori dalla Legge Fornero e la proroga relativa all’Opzione Donna, diretta alle lavoratrici per accedere anticipatamente a una misura pensionistica con 57 anni e 7 mesi di età anagrafica, oppure, 58 anni e 7 mesi di età anagrafica per le lavoratrici autonome, in entrambi i casi con 35 anni di contributi. Prevista una penalizzazione sull’assegno previdenziale con il ricalcolo automatico del sistema contributivo.

Leggi anche:

Quota 100 si passerà al riscatto della laurea? Sarà vero?

No al reddito di cittadinanza per chi ha la casa di proprietà, le ultime novità

Pensione di invalidità: solo per i cittadini residenti in Italia?

Pensione Quota 100, Riforma Fornero e pensione di cittadinanza in vigore dal 2019, ultime novità ultima modifica: 2018-09-29T06:15:39+00:00 da Antonella Tortora

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein