Pensione quota 100: si rischia di perdere il 25% dell’assegno?

-
12/11/2018

E’ vero che accedendo alla pensione con la quota 100 si rischia di perdere il 25% della pensione? Chiariamo i dubbi e togliamo qualche paura.

Pensione quota 100: si rischia di perdere il 25% dell’assegno?

Buongiorno. Io ho 40 anni di contributi e faccio 62 anni il 02/01/2019. Vorrei sapere se mi conviene andare in pensione o rischio la perdita del 25% inoltre io rientro col vecchio sistema sono al 2011. Grazie

 

Come ho già spiegato in precedenti altri articoli la quota 100 non prevede penalizzazioni sul calcolo dell’assegno pensionistico. Anche se inizialmente, una delle prime bozze della misura avanzava l’ipotesi di un ricalcolo interamente contributivo della pensione con una penalizzazione circa del 30% dell’importo, tale ipotesi è stata completamente eliminata delle bozze successive nelle quali, tra l’altro, sono cambiati anche i requisiti di accesso alla pensione quota 100.

Anche per la quota 100, quindi, come per qualsiasi altra pensione (ad eccezione dell’opzione donna) il calcolo dell’assegno pensionistico avverrà secondo le consuete modalità, ovvero: 

  • Per chi ha iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995 il calcolo della pensione sarà interamente contributivo.
  • Il calcolo retributivo resta per i contributi versati fino al 31 dicembre 2011 per chi aveva maturato 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995.
  • Il calcolo retributivo per i contributi versati fino al 31 dicembre 1995 per tutti coloro che in tale data lavoravano ma non avevano maturato 18 anni di contributi.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]