Pensione Supplementare, ecco quando e come fare domanda

ecco quando bisogna fare la domanda per la pensione supplementare

Per poter fare domanda e beneficiare della pensione supplementare, bisogna sapere che è necessario raggiungere l’età anagrafica che richiede la pensione di vecchiaia. Su questo, non ci sono dubbi, lo ha stabilito la Corte di Cassazione.

La domanda per la pensione supplementare, non può essere presentata prima di aver raggiunto l’età anagrafica, cosi come prevede la legge.

Con la sentenza numero 21189/2018, La Corte di Cassazione ha deciso di accogliere il ricorso presentato dall’INPS, per quanto riguarda una pensionata che in precedenza aveva sollecitato la liquidazione dell’assegno supplementare. 

La faccenda

La pensionata aveva fatto la domanda per ottenere la pensione supplementare ancor prima di raggiungere l’età richiesta dalla legge. All’epoca INPS ha respinto la domanda, spiegando che la domanda doveva essere fatta solo ed esclusivamente al raggiungimento dell’età pensionabile richiesta e non prima.

Il Tribunale e la Corte d’Appello di Torino, avevano dato ragione alla pensionata, sottolineato che grazie all’articolo 6 della legge 155/1981 si poteva presentare la domanda, con la condizione che la prestazione decorra dal primo giorno del mese a venire. In poche parole da quando la pensionata aveva raggiunto l’età anagrafica richiesta dalla legge, e che non aveva importanza se la domanda è stata fatta prima.Pensione anticipata con 28 anni di contributi: ci sono possibilità?

In merito a questa decisione, la Corte aveva specificato che il totale diritto del beneficio sollecitato era maturato solo al raggiungimento del 61 esimo anno e che non serviva proprio a nulla la domanda amministrativa. La Corte aveva ordinato all’INPS di pagare gli arretrati in più gli interessi, e tutto ciò a favore della pensionata.

Ecco cosa dice la Cassazione

La pensione supplementareLa Cassazione non è  d’accordo con la Corte d’Appello, spiegando l’articolo 5 della legge 1338/1962: ‘’ “Il requisito anagrafico richiesto dalla legge per la pensione supplementare – spiegano i giudici nelle motivazioni – rappresenta, dunque, un elemento costitutivo per il diritto al beneficio e, del pari, la domanda amministrativa non si appalesa solo come impulso per il procedimento o mera condizione di proponibilità, data la valorizzazione che ne fa il legislatore, come elemento della fattispecie al quale e espressamente ancorato il decorso della prestazione (non già dal compimento dell’età anagrafica sibbene dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda)”

In poche parole, la pensionata doveva presentare la domanda per la pensione supplementare, solo al raggiungimento dell’età anagrafica richiesta. In questo caso, la pensionata dovrà presentare la domanda di nuovo.

Ecco come si fa la domanda

La domanda si può fare online direttamente all’INPS, attraverso l’apposito servizio. Per i meno esperti, è possibile fare domanda tramite il Contact center Inps al numero 803 164 (gratuito da rete fissa), per la rete mobile è possibile telefonare al numero 06 164 164; oppure tramite enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.