Pensione: utilizzo contributi da riscatto e tempi di presentazione domanda di quiescenza

-
12/12/2019

Approfondiamo alcuni argomenti in ambito previdenziale come il riscatto della laurea e la domanda di pensione.

Pensione: utilizzo contributi da riscatto e tempi di presentazione domanda di quiescenza

I contributi da riscatto derivanti dal riscatto degli anni di studio universitario in che periodo temporale si collocano e come possono essere utilizzati per la pensione? E ancora, un dipendente del pubblico impiego entro quanto deve presentare la domanda per accedere al pensionamento con l’opzione donna? Cerchiamo di dare gli opportuni chiarimenti in merito.

Opzione donna e riscatto laurea

Una nostra lettrice ci chiede:

Buongiorno,

pongo un quesito:gli anni di laurea riscattati rientrano nel calcolo dei contributi per opzione donna?

Per accedere alla pensione con opzione donna sono validi, al raggiungimento dei 35 anni di contributi, tutti i contributi accreditati, compresi i contributi da riscatto, quelli volontari, e i contributi figurativi (con l’esclusione di quelli derivanti dalla malattia e dell’indennità di disoccupazione) sono utilizzabili al calcolo. 
Tra l’altro i contributi del riscatto Laurea si collocano temporalmente nel periodo in cui si sono svolti gli studi universitari, andando ad aumentare (non nel caso di opzione donna) in alcuni casi la quota calcolata con il sistema retributivo.

Domanda di pensione

Un’altra lettrice, invece, ci chiede:

Ringrazio

Buongiorno cortesemente avrei bisogno di un chiarimento.sono una impiegata pubblica, ho attualmente 39 anni lavorativi, ma compio 62 anni il prossimo 15 gennaio 2020. quando devo fare domanda di pensione? grazie 

Per i dipendenti del pubblico impiego che vogliono accedere alla quota 100 è bene sapere che la decorrenza della pensione si ha 6 mesi dopo il raggiungimento di entrambi i requisiti, nel suo caso, quindi si avrebbe dal 1 agosto 2020. Le ricordo, inoltre, che è tenuta a dare un preavviso di 6 mesi obbligatorio alla sua amministrazione. 

La tempistica giusta, nel suo caso, quindi, è quella di presentare a gennaio le proprie dimissioni con decorrenza dal 31 luglio 2020 e contestualmente domanda di pensione con decorrenza dal 1 agosto 2020.