Pensioni a marzo di importo più basso o più alto: ecco perchè

-
29/02/2020

I pensionati con il rateo della pensione di marzo potrebbero vedere l’assegno più alto o più basso del dovuto, vediamo perchè.

Pensioni a marzo di importo più basso o più alto: ecco perchè

Il pagamento delle pensioni per il mese di marzo è previsto per lunedì 2 marzo per tutti, primo giorno bancabile sia per gli istituti bancari che per Poste Italiane. Ma il 2 marzo i pensionati si renderanno conto che l’importo dell’assegno pensionistico sarà, in alcuni casi, più basso o più alto a causa dell’IRPEF. Cerchiamo di capire cosa succede nel mese di marzo che porta alla variazione delle somme percepite.

Pensioni marzo e importo

Ad incidere sulla somma che i pensionati percepiranno il 2 marzo 2020 saranno le maggiorazioni dovute per le addizionali regionali del 2019, che si pagano ratealmente l’anno successivo, quindi nel 2020. A partire dal mese di marzo, inoltre, è prevista anche l’acconto della rata dell’addizionale comunale del 2020. Chi avrà l’assegno pensionistico più basso e chi più alto?

Per i pensionati che nel corso del 2019, di fatto, hanno pagato di meno si vedranno tagliare una piccola parte della pensione perchè il sostituto d’imposta, in questo caso l’INPS, applicherà i conguagli per recuperare a partire dal mese di marzo (e laddove dove il rateo della pensione non bastasse anche sui mesi successivi) il non pagato nel 2019.

Facciamo un esempio pratico: per i pensionati che percepiscono redditi fino a 18mila euro lordi il conguaglio a debito è di circa 100 euro e vedranno, quindi, lo spalmarsi delle trattenute da marzo a novembre.


Leggi anche: Bonus affitti 2021 e blocco degli sfratti, per proprietari di immobili fino a 1200 euro: cos’è, come funziona e requisiti

Ci saranno, poi, i pensionati che vedranno l’assegno più alto e sono quelli che nel corso del 2019 hanno pagato leggermente più Irpef del dovuto ricevendo a marzo il rimborso di quanto versato in più nel corso dell’anno passato.

Non saranno coinvolti nei conguagli i titolari di pensione di invalidità civile, i titolari di assegni e pensioni sociali  poichè queste prestazioni non sono soggette a tassazione.