Pensioni anticipate: la quota 100 per Boeri costa dai 15 ai 20 miliardi di euro

-
05/07/2018

La quota 100 costa troppo secondo Tito Boeri e le pensioni anticipate potrebbero sfumare.

Pensioni anticipate: la quota 100 per Boeri costa dai 15 ai 20 miliardi di euro

Tito Boeri fa subito i conti in tasca alle pensioni anticipate con la quota 100 proposte da M5S e Lega: un costo immediato di 15 miliardi per salire, a regime a 20 miliardi.

La relazione annuale dell’Inps firmata da Tito Boeri parla chiaro, il progetto non è a costo zero “Quota 100 pura costa fino a 20 miliardi all’anno; quota 100 con 64 anni minimi di età costa fino a pensione18 che si riducono a 16 alzando il requisito anagrafico a 65 anni; quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione vigente per quanto riguarda i requisiti di anzianità contributiva indipendenti dall’età costa fino a 8 miliardi”

Ripristinare le pensioni di anzianità con la quota 100, quindi, porterebbe circa a 750mila pensionati in più e il costo sarebbe esorbitante anche se sul contratto di governo di Lega e M5S si parla di “soli” 5 miliardi. Tito Boeri spiega che per scendere a questa cifra bisognerebbe inserire delle finestre che ritarderebbero il progetto di almeno 15 mesi portando la quota a 101 e non più a 100.