Pensioni più basse dal 1° aprile 2019, calcolo e importi

-
25/03/2019

Pensioni più basse dal 1° aprile 2019 misura prevista nella legge di Bilancio 2019, ecco calcolo e importi.

Pensioni più basse dal 1° aprile 2019, calcolo e importi

Dal 1° aprile 2019 l’Inps pagherà le pensioni con gli importi definitivi del 2019, che sono più bassi di quelli erogati nei primi 3 mesi dell’anno. Dalla riduzione sono esenti gli assegni di importo fino a tre volte il minimo (1.522,26 euro lordi mensili nel 2018).

Pensioni più basse, rivalutazione prevista nella legge di Bilancio 2019

Il ricalcolo del valore degli assegni è conseguenza del fatto che la legge di Bilancio 2019 è stata approvata negli ultimi giorni di dicembre e ha introdotto un nuovo sistema di adeguamento degli importi alla variazione annuale dell’inflazione: ciò non ha permesso all’Inps di pagare gli assegni di inizio gennaio con le nuove regole.  Di conseguenza, l’Istituto li ha calcolati in base alla legge 388/2000, che sarebbe dovuta ritornare in vigore senza il nuovo intervento normativo contenuto nella legge di Bilancio 2019.

Pensioni: rivalutazione automatica per il triennio 2019 – 2021

La legge di bilancio 2019 ha introdotto un nuovo meccanismo di rivalutazione che ha comportato il ricalcolo delle pensioni con un sistema diverso, e non con il consueto rinnovo generalizzato (legge 23 dicembre 2000, n. 388; circolare INPS 27 dicembre 2018, n. 122).

I nuovi criteri di ricalcolo, illustrati nella circolare INPS 22 marzo 2019, n. 44, sono riportati nella tabella seguente. Le fasce di importo sono costruite in base al valore del trattamento minimo (TM) mensile dell’anno 2018, pari a 507,42 euro.

Pensioni: tabella Inps per rivalutazione dal 1° aprile 2019

Periodo Fasce Indice di perequazione % aumento Importo trattamenti
  Fino a 3 volte il TM 100% 1,1 % fino a € 1.522,26
  Fascia di 
garanzia *
    oltre € 1.522,26 e fino a € 1.522,76
sono garantiti 1.539,00
  Oltre 3 e fino a 4 volte il TM 97% 1,067% oltre € 1.522,26 e fino a € 2.029,68
  Fascia di 
garanzia *
    oltre € 2.029,68 e fino a € 2.034,10
sono garantiti € 2.051,34
  Oltre 4 e fino a 5 volte il TM 77% 0,847% oltre € 2.029,68 e fino a € 2.537,10
  Fascia di garanzia*     oltre € 2.537,10 e fino a € 2.544,04
sono garantiti € 2.558,59
Dal 1° gennaio 2019 Oltre 5 e fino a 6 volte il TM 52% 0,572% oltre € 2.537,10 e fino a € 3.044,52
  Fascia di garanzia*     oltre € 3.044,52 e fino a € 3.046,19
sono garantiti  € 3.061,93
  Oltre 6 e fino a 8 volte il TM 47% 0,517% oltre € 3.044,52 e fino a € 4.059,36
  Fascia di garanzia*     oltre € 4.059,36 e fino € 4.060,25
sono garantiti € 4.080,35
  Oltre 8 e fino a 9 volte il TM 45% 0,495% oltre € 4.059,36 e fino a € 4.566,78
  Fascia di garanzia*     oltre € 4.566,78 e fino a € 4.569,28
sono garantiti € 4.589,39
  Oltre 9 volte il TM 40% 0,44% oltre € 4.569,28


Leggi anche: Smart working per statali: ipotesi anche dall’estero

Le fasce di garanzia sono applicate quando, calcolando la perequazione con la percentuale della fascia, il risultato ottenuto è inferiore al limite della fascia precedente perequato.