Pensioni quota 100: si perde il 16% netto sull’assegno

-
26/01/2019

Accedendo alla pensione con la quota 100 la perdita massima per contributi minori versati sarà del 16% assicura Durigon.

Pensioni quota 100: si perde il 16% netto sull’assegno

Le ultime notizie sulle pensioni con la nuova misura quota 100 arrivano dal sottosegretario del lavoro Claudio Durigon che afferma che le misure applicate nel 2019 in tema previdenziale sono solo una minima parte del programma del Governo Conte.

Si attende, intanto, l’ok definitivo al decreto pensioni 2019 che renderà attuativo non solo il reddito di cittadinanza ma anche quota 100, blocco dell’aumento dell’età pensionabile, la proroga all’opzione donna e all’ape sociale e novità introdotto in ambito riscatto laurea agevolato.

Pensioni quota 100: quanto si perde?

Durigon nelle sue affermazioni ci tiene a precisare che la quota 100 è solo un piccolo passo in tema previdenziale per dare un primo impulso positivo al mercato in uscita. Il sottosegretario è convinto che questo darà vigore anche all’entrata nel mondo del lavoro andando ad abbattere il picco di disoccupazione che, ormai, regna sovrana in Italia.

Durigon assicura che accedendo alla pensione con la quota 100 la perdita economica sull’assegno pensionistico è minima: “Abbiamo fatto uno studio con l’Inps. SU una busta paga media di pensione di 1500 euro il non percepito per i minori anni contributivi è  pari al 16% netto massimo, fino al 2% iniziale di un anno”.