Perchè i pensionati fuggono all’estero? Le mete più ambite

-
15/01/2020

Perchè i pensionati italiani fuggono all’estero e quali sono le mete più gettonate? Vediamo cosa dicono i dati.

Perchè i pensionati fuggono all’estero? Le mete più ambite

Molti sono i pensionati italiani che decidono di trasferirsi all’estero e vivere del proprio assegno con dignità e serenità. Li chiamano i migranti previdenziali e sono coloro che scelgono un Paese estero dove il costo della vita, i prezzi delle abitazioni e la tassazione sono  minori. Ma non è solo questo a spingere i pensionati a lasciare l’Italia, quello che guardano in un paese estero sono anche il clima, la sicurezza, le cure sanitarie, la presenza di una comunità di italiani.

Pensionati in fuga

Il fenomeno dei pensionati che fuggono all’estero è abbastanza recente in Italia: basti pensare quanto i nonni partecipano alla vita della famiglia curando i nipoti e sostenendo i figli. Attualmente, in Italia, sono circa il 40% dei pensionati ad aiutare il nucleo familiare dei figli.

Secondo l’Inps le pensioni che nel 2018 sono state pagate all’estero sono quasi 400mila (tra queste rientrano però, anche quelle dei lavoratori stranieri che hanno prestato servizio in Italia e raggiunta la pensione sono tornati al proprio paese di origine).

I Paesi che maggiormente attraggono i pensionati italiani sono Cipro, Portogallo, Malta, Thailandia, Tunisia, Emirati Arabi, Marocco, paesi in cui il costo della vita è molto più basso rispetto all’Italia e in cui è presenta una tassazione più vantaggiosa.


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

Gli italiani che hanno deciso di emigrare in Portogallo hanno l’esenzione fiscale sulla pensione per 10 anni. Quelli che hanno scelto la Tunisia, invece, vedono abbattersi le tasse dell’80%. Anche a Cipro e a Malta la tassazione è molto più bassa.

Quale previsione per gli anni a venire?

Tra il 2006 e il 2017 l’acquisto delle seconde case all’estero è praticamente raddoppiato (oltre 46mila unità immobiliari all’estero acquistate da italiani). Ad acquistare sono persone che già percepiscono la pensione o sono in procinto di accedervi. La scelta ricade su Paesi dove il clima è mite e può offrirgli un tenore di vita migliore rispetto a quello che avrebbero in Italia.

Negli anni che verranno, quindi, con la crisi economica italiana che non accenna a placarsi, il fenomeno, attualmente contenuto, potrebbe aumentare.