Pin telefonico temporaneo Inps per accedere ai servizi online, le novità

Le ultime novità sulle credenziali dell’Inps. L’ente mette a disposizione dei cittadini una nuova funzione, il Pin telefonico temporaneo.

L’Inps, con il messaggio n. 1081 del 15 marzo 2019, ha fornito chiarimenti sul Pin telefonico e l’accesso ai propri servizi online, oltre che con il Pin, anche con credenziali di accesso con maggiori garanzie di affidabilità, quali la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e l’identità SPID (Sistema Pubblico dell’Identità Digitale).

L’ente chiarisce che queste due ultime tipologie di credenziali non prevedono un riconoscimento telefonico dell’utente e dunque non permettono di fruire di servizi dispositivi tramite il canale del Contact Center.

Pin telefonico Temporaneo Inps

Al fine di garantire pieno accesso a tutti i canali di servizio, anche attraverso le credenziali CNS e SPID, l’Istituto ha implementato un nuovo servizio che, con le citate tipologie di credenziali, consente di generare un “PIN telefonico” temporaneo. Per ottenerlo l’utente deve accedere alla sezione “MyINPS” all’interno del portale INPS, selezionare la voce “PIN telefonico” e indicare il periodo per di validità che non può essere superiore a tre mesi.

In caso di smarrimento, è possibile generarne uno nuovo, che annullerà automaticamente il precedente. Attraverso il “PIN telefonico”, pertanto, anche gli utenti in possesso delle sole credenziali CNS o SPID possono fruire dei servizi INPS attraverso il Contact Center.

Come inviare una mail o un fax all’INPS senza che venga cestinata, le novità

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”