Poste italiane, buoni fruttiferi dimezzati, come avere il rimborso?

-
26/10/2018

Buoni fruttiferi di Poste italiane, la stangata dopo 30 anni, è possibile chiedere il rimborso, se si come fare?

Poste italiane, buoni fruttiferi dimezzati, come avere il rimborso?

Poste italiante, la stangata dei buoni fruttiferi, il quesito di una nostra lettrice:

Buonasera, faccio riferimento all’articolo inerente il rendimento dei Buoni Fruttiferi postali di Sara Gatto che ho letto in data odierna (24/10/2018). Volevo dire che nel 2008 è capitato anche a me di andare a riscuotere i buoni fruttiferi, risparmi della mia mamma, che allora sono serviti per acquistare casa e di vedermi dimezzata la cifra. Probabilmente avrei dovuto anch’io prendere “iniziative legali nei confronti della società delle Poste” ma purtroppo non l’ho fatto e ho ritirato la cifra che mi hanno dato. Ho ancora le copie di questi buoni Fruttiferi.Ora la domanda è:  potrei ancora, dopo tanti anni, adire alle vie legali e a chi rivolgermi? Ringrazio anticipatamente della risposta.

 

Come riportato nell’articolo citato: Poste Italiane: buoni fruttiferi dimezzati, la stangata dopo 30 anni

Molti risparmiatori hanno avuto brutte sorprese, dopo risparmi accantonati da una vita piena di sacrifici, come il caso esposto della nostra lettrice.

Quanto si prescrivono i buoni fruttiferi

I Buoni rappresentati da documenti cartacei nominativi si prescrivono trascorsi dieci anni dalla data di scadenza del titolo. La prescrizione del titolo fa venir meno il diritto al rimborso sia del capitale investito che degli interessi maturati.

I Buoni cartacei emessi fino al 13 aprile 2001 si prescrivono in favore del MEF; l’importo dei Buoni cartacei prescritti emessi dal 14 aprile 2001, invece, in base alla normativa sui depositi dormienti, è versato al Fondo istituito presso il MEF (art. 1, comma 345-quinquies, L. 23 dicembre 2005, n. 266).


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

I Buoni prescritti restano esclusi da qualsiasi rimborso (cfr. Comunicato Stampa N° 260 del 30 dicembre 2013 del Ministero dell’Economia e delle Finanze e Circolare del Ministero del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 3 novembre 2010). I Buoni dematerializzati non possono cadere in prescrizione in quanto vengono rimborsati alla scadenza e il relativo importo accreditato automaticamente sul conto di regolamento dell’intestatario.

Come tutelarsi

Le consiglio di controllare la data dei buoni postali e verificare se sono prescritti, comunque le consiglio di informarsi con un avvocato e capire se nel suo caso può rivalersi con Poste Italiane.