Poste Italiane, scioperi nel mese di agosto, dove, quando e perché?

-
01/08/2019

I lavoratori di Poste Italiane saranno in sciopero nel mese di agosto. Alla base delle motivazioni ci sarebbe il mancato ricambio occupazionale.

Poste Italiane, scioperi nel mese di agosto, dove, quando e perché?

Nel mese di agosto i lavoratori di Poste Italiane saranno in sciopero. La motivazione starebbe nel mancato ricambio occupazionale. Anche lo scorso luglio si erano tenuti vari scioperi e anche stavolta saranno interessati tutti i punti della Lombardia, compreso quello di Legnano. Stavolta, però, i sindacati pretendono una segnalazione per comunicare i possibili disagi, che potrebbero riguardare eventuali ritardi o disguidi nelle consegne o una riduzione dell’orario di apertura degli uffici postali. Come sappiamo, però, il preavviso non è uno dei punti forti di Poste Italiane.

Perché si sciopera?

Il mancato ricambio occupazionale è insorto nel momento in cui molti lavoratori sono andati in pensione attraverso uscite incentivate e il ricorso a Quota 100. Secondo gli attuali lavoratori e i sindacati, la mancanza di personale ha causato parecchi disagi, in particolare un abuso degli straordinari con mancato pagamento degli stessi. Inoltre, le vetture utilizzate dal personale sono obsolete e insicure. E non solo: la situazione è ingestibile anche per chi lavora agli sportelli e, di conseguenza, per i clienti stessi.

Giovanni Fagone, segretario della Slc Cgil Lombardia, ricorda che lo sciopero sarà supportato da “[…] iniziative Territoriali per focalizzare l’attenzione sulle potenzialità che una grande azienda come Poste Italiane con i suoi servizi può sviluppare in Lombardia.”

Quando si sciopera?


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Fagone spiega che lo sciopero inizierà il 1° agosto e durerà tutto il mese. Durante lo sciopero di luglio l’azienda non ha provveduto a comunicare agli utenti date ed eventuali disagi come previsto dalla legge. Stavolta, dunque, è lo stesso sindacato a richiedere una corretta comunicazione per non creare ulteriori disagi ai clienti, permettendo loro di organizzarsi in vista degli scioperi. Così facendo, anche i lavoratori potranno scioperare con maggiore tranquillità.

Ti potrebbe interessare anche: Carte prepagate di Poste Italiane: attenzione alla truffa del momento