Prepensionamento a 55 e 61 anni: vediamo le possibilità

-
30/03/2020

Quali sono le strade per potersi pensionare se si hanno, oggi, 55 e 61 anni? Vediamo il caso specifico dei nostri lettori.

Prepensionamento a 55 e 61 anni: vediamo le possibilità

L’accesso alla pensione è vincolato al raggiungimento di determinati requisiti, soprattutto per il prepensionamento. Mentre, infatti, per la pensione di vecchiaia basta raggiungere almeno 67 anni ed almento 20 anni di contributi, le misure che permettono i prepensionamento sono molteplici, ognuna con requisiti propri e bene distinti.

Pensionamento a 61 anni

Un nostro lettore ci scrive:

Buongiorno ho 61 anni di età e 39 di contributi quando posso accedere alla pensione.

Già dal prossimo anno potrebbe accedere al prepensionamento con la quota 100 che richiede, fino alla fine del 2021, almeno 62 anni di età ed almeno 38 anni di contributi maturati. Avendo largamente raggiunto il requisito contributivo, non appena compie i 62 anni potrà accedere al pensionamento con tale misura. Le ricordo, inoltre,  che per la decorrenza della pensione è necessario rispettare la finestra di attesa che è di 3 mesi per i dipendenti del settore privato e di 6 mesi per quelli del pubblico impiego ed in base a tali finestra di attesa ci si deve regolare anche per l’eventuale preavviso da dare obbligatoriamente al datore di lavoro. 

Pensione a 55 anni

Un altro lettore ci scrive:

• Buonasera, vorrei avere delle informazioni riguardanti la possibilità di fare domanda per la pensione. Io sono un artigiano di 55 anni con 41 anni di contributi già compiuti.  Vorrei sapere se posso accedere alla pensione anticipata, come lavoratore precoce .grazie 

La pensione dedicata ai lavoratori precoci che permette di lasciare il lavoro al raggiungimento dei 41 anni di contributi, purtroppo, richiede non solo che siano stati versati almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età, ma anche l’appartenenza ad uno dei 5 profili tutelati che sono: disoccupati, caregiver, invalidi, usuranti e gravosi. Se non rientra nei requisiti richiesti per tali profili, purtroppo, pur essendo un precoce non potrà accedere alla pensione con la quota 41 e per la quiescenza dovrà attendere di maturare i 42 anni e 10 mesi di contributi, richiesti per gli uomini per accedere alla pensione anticipata ordinaria, senza penalizzazione alcuna sul calcolo dell’assegno pensionistico spettante.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti