Prepensionamento con 20 anni di contributi prima dei 67 anni: quale possibilità

Con 63 anni di età e 20 anni di contributi l’unica possibilità di accedere a una forma di pensione anticipata è l’Ape volontario: ecco di cosa si tratta e quali sono i requisiti di accesso.

Con soltanto 20 anni di contributi le forme di prepensionamento possibili sono davvero pochissime, se non addirittura nulla  (se non si riesce ad incastrare l’età giusta). Con tale montante contributivo, infatti, nel 99% dei casi l’unica possibilità di accedere alla pensione rimane attendere il compimento dei 67 per l’accesso alla pensione di vecchiaia. In rari casi, invece, un possibilità c’è, ed è proprio quella che illustreremo in questo articolo.

In prepensionamento con 20 anni di contributi, ecco quando è possibile

Una nostra lettrice ci scrive per chiedere: “Salve, ho una domanda da fare; ho 20 anni di contributi in un lavoro considerato gravoso, sono donna e sono nata nel 57, c’è una speranza per me di prendere la pensione a 63 anni? Grazie in anticipo per la risposta.”.

Come abbiamo anticipato nell’introduzione con soli 20 anni di contributi difficilmente si riesce a trovare un’accesso al prepensionamento, ma nel caso della nostra lettrice che ha 63 anni c’è la possibilità di accedere all’Ape volontario, misura che rimane in vigore fino al 31 dicembre 2019. L’ape volontario non è una vera e propria pensione anticipata ma un anticipo pensionistico erogato tramite un prestito concesso dalle banche e garantito dalla pensione di vecchiaia che andrà, poi, rimborsato (maggiorato degli interessi) con microprelievi sulla pensione (al compimento dei 67 anni) della durata ventennale.

Ape volontario: requisiti di accesso

APE Volontario, conosciuto anche come Anticipo finanziario a garanzia pensionistica, È un prestito commisurato e garantito dalla pensione di vecchiaia, erogato dalla banca in quote mensili per 12 mensilità, che il beneficiario otterrà alla maturazione del diritto. 

Per accedere al prestito è necessario, al momento della richiesta:

  • avere una età minima di 63 anni;
  • aver maturato una anzianità contributiva non inferiore a 20 anni;
  • avere un importo della futura pensione mensile, al netto della rata di ammortamento per il rimborso del prestito richiesto, pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo dell’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO);
  • per i soggetti con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996, avere un importo di pensione non inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale di cui all’articolo 3, comma 6, della legge n. 335 del 1995;
  • non essere titolare di pensione diretta o di assegno ordinario di invalidità.

Non è necessario cessare l’attività lavorativa.

Leggi anche: Pensione APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.