Prestito: interessi Tan e il Taeg: che cosa sono, perché sono importanti? Ecco sapere

Stai per chiedere un prestito, ma non sai qual’è il più conveniente? Ecco una piccola guida per te

Il Tan e il Teag sono due elementi fondamentale di un prestito finanziario, insieme al capitale, durata, rate e condizioni.

Spesso ci chiediamo, quando siamo in procinto di chiedere un prestito, per qualsiasi tipo di acquisto o per diverse esigenze, quale sia quello più conveniente. Inoltre ci chiediamo cosa sono quelle due percentuali che vengono evidenziate per il calcolo del finanziamento: Tan e Taeg.

Con questo articolo cerchiamo di darti qualche nozione per capire cosa sono Tan e Taeg e come individuare la migliore offerta finanziaria che ti è stata proposta.

Prestito finanziario

Il prestito è costituito da due variabili principali, Taeg e Tan, ma anche dal capitale richiesto, la durata di restituzione del prestito, la rata da pagare e le condizioni.

Il Tan, Tasso Annuale Nominale, e il Taeg, Tasso Annuo Effettivo Globale d’interesse, sono parametri utili da cui si può dedurre quale sia il prestito che ti costerà di meno.

TAN: che cosa è

Per TAN si intende quella percentuale che viene calcolata sul capitale richiesto, che si deve restituire all’istituto erogatore, che può essere una banca o una finanziaria, alla fine dell’anno.

Ciò accade, però, solo nel caso si paga la quota d’interesse in un’unica soluzione a fine anno. Nella maggior parte dei casi, invece, l’interesse viene ripartito in rate da pagare mensilmente. Con la ripartizione delle quote d’interesse, si verifica una variazione tra il tasso effettivo d’interesse e il tasso di interesse nominale. Il tasso effettivo risulta maggiore di quello nominale. Quindi in questo caso il tasso effettivo supera il Tan a causa di ulteriori spese da sostenere e a questo punto entra in scena il Taeg.

TAEG: che cosa è

Il TAEG è un tasso, che si può definire virtuale, perché non si calcola sul capitale erogato. Ma è un indicatore del costo globale del prestito o del mutuo. Nel Taeg sono compresi, anche, tutte le spese che devi sostenere per l’apertura e il rimborso del finanziamento.

La direttiva europea sui mutui indica le spese obbligatorie che vanno comprese nel TAEG. Queste sono:polizze aggiuntive, apertura e mantenimento quale sono le spese ei conti correnti, gestione della pratica, costi relativi alle operazioni di pagamento. Sono escluse dal TAEG, le spese di perizia e le spese notarili e le imposte. Tutte queste indicazioni devono essere presenti nel documento informativo che precede la stipula del finanziamento.

Come confrontare i prestiti

Per valutare quale sia per noi la proposta di prestito migliore, è importante farsi consegnare la documentazione informativa, in modo da poterla comparare con le altre. Il TAEG è particolarmente utile per la comparazione dei mutui. Infatti facendo riferimento a questo e confrontandolo con gli altri, è possibile calcolare con esattezza quale tra essi sia per noi migliore e più conveniente.

In conclusione il Taeg ci dà la possibilità di calcolare con esattezza quale prestito costa di più e quale meno. Stiamo molto attenti alle proposte di prestito a tasso zero, perché molto spesso non è proprio così, controllate sempre il valore del Taeg.

Documenti necessari per ottenere un prestito personale

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.