Proroga imposte 2019: nuovi criteri di rateizzazione per le imposte Irap e Iva

-
02/08/2019

Con la risoluzione n. 71 del 1° agosto del 2019, l’Agenzia dell’Entrate ha impostato nuovi criteri di rateizzazione per il versamento delle imposte dirette

Proroga imposte 2019: nuovi criteri di rateizzazione per le imposte Irap e Iva

La risoluzione n.71/E del 1° agosto 2019 dell’Agenzia dell’Entrate ha introdotto il nuovo calendario per il pagamento delle imposte per chi si ricorre alla proroga imposte del 30 settembre 2019 per il versamento delle imposte IRAP e IVA.

Proroga imposte 2019: ecco i soggetti che possono avvalersi della proroga

L’Agenzia dell’Entrate ha pubblicato dei chiarimenti per chi effettua il pagamento delle imposte a rate.

Il nuovo calendario per la rateizzazione riguarda chi sceglie di ricorrere alla proroga del 30 settembre 2019 dei termini per il pagamento delle imposte dirette, Irap e Iva. I soggetti che possono fruire di queste nuove scadenze sono coloro che operano in forma di impresa o di lavoro autonomo, e indipendentemente che tali attività si applichi o meno gli Isa. Soggetti che dichiarano ricavi o compensi non superiore al limite stabilito per ogni Isa. Inoltre sono inclusi i soggetti a cui si applica il regime forfetario agevolato, il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità e per coloro che determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari.

Proroga imposte 2019: ecco le scadenze per chi paga a rate

La risoluzione n. 71/E pubblicata dall’Agenzia delle Entrate il 1° agosto 2019 chiarisce le scadenze dei versamenti per chi si avvale della proroga e ribadisce che nulla cambia per chi invece non si avvale della proroga.

Sono stati stilati due calendari in base ai soggetti che fruiscono della proroga: contribuenti con Partita Iva e contribuenti senza partita Iva.

Titolari di partita Iva

N. rata                 Scadenza Interessi % Scadenza (*) Interessi di rateazione %
1 30 settembre 0 30 ottobre 0
2 16 ottobre 0,18 18 novembre 0,18
3 18 novembre 0,51

(*) Maggiorando l’importo da rateizzare dello 0,40% a titolo di interessi corrispettivi

Non titolari di partita Iva

N. rata Scadenza Interessi % Scadenza (*) Interessi di rateazione %
1 30 settembre 0 30 ottobre 0
2 31 ottobre 0,33 31 ottobre 0
3 2 dicembre 0,66 2 dicembre 0,33

(*) Maggiorando l’importo da rateizzare dello 0,40% a titolo di interessi corrispettivi


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Per i soggetti che già hanno beneficiato abbiano beneficiato della proroga ed ora decidono per un versamento in una unica rata, possono scegliere di pagare entro il 30 settembre 2019, o entro il 30 ottobre 2019 con una maggiorazione dello 0,40%.

Ordinari piani di rateazione sempre in vigore

La risoluzione n. 71/E  del 1° agosto 2019 precisa che per chi non scelga di fruire della proroga, restano in vigore gli ordinari piani di rateazione, quindi si ha sempre la possibilità di versare entro il 30 settembre le somme dovute, al netto degli interessi e della maggiorazione dello 0,40%.

In allegato Risoluzione n.71 del 1° agosto 2019 

fonte sito Agenzia dell’Entrate

Pace fiscale, rottamazione ter cartelle 2019 è possibile la rateizzazione?