Quale pensione anticipata a 63 anni? Vediamo le alternative

-
05/02/2020

Quali possibilità di pensionamento a 63 anni di età per un dipendente del pubblico impiego? Vediamo le strade da seguire.

Quale pensione anticipata a 63 anni? Vediamo le alternative

Anche se per i lavoratori invalidi con l’80% di invalidità esiste una misura per il pensionamento anticipato a 56 anni per le donne e 61 anni per gli uomini, i lavoratori del pubblico impiego non possono accedervi poichè è limitata soltanto ai lavoratori del settore privato. Vediamo, quindi, i lavoratori con grave disabilità quali alternativa di uscita possono avere a 63 anni di età.

Pensione a 63 anni

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno sono Sabrina io ho 62 anni ne compirò  63 a giugno ho invalidità 80 per cento 35 e 7 settimane di contributi nel pubblico impiego come posso accedere alla pensione anticipata e cosa è  che mi comporterebbe??fatemi sapere. 

Come anticipato sopra, quindi, pur esistendo una misura volta proprio al pensionamento dei lavoratori con invalidità pari o superiore all’80% lei non vi può accedere poichè è dipendente statale.

Con i suoi requisiti, però, potrebbe accedere, dal 1 luglio, alla pensione con Ape sociale che richiede per i lavoratori invalidi almeno 63 anni, almeno 30 anni di contributi e un’invalidità certificata pari o superiore al 74%. Nel suo caso, quindi, possedendo tutti i requisiti di accesso tranne l’età che compirà a giugno, potrebbe già iniziare a presentare domanda di pensionamento (che nel pubblico impiego necessita di diversi mesi per l’accoglimento).


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Le consiglio, quindi, di procedere alla presentazione della domanda di pensione con decorrenza dal 1 luglio (se non le verrà liquidata per tale data, in ogni caso, avrà diritto agli arretrati dalla decorrenza del trattamento) e a vedere quali passi compiere per la presentazione delle dimissioni volontarie con relativo preavviso pressa l’amministrazione di appartenenza.