Quando andrò in pensione: con 66 anni e 40 anni di contributi, ecco le alternative

-
26/07/2018

Con 66 anni di età e 40 anni di contributi quando bisogna attendere per il pensionamento?

Quando andrò in pensione: con 66 anni e 40 anni di contributi, ecco le alternative

Un nostro lettore ci scrive: “Sono nato nel 1952, ho iniziato a lavorare nel 1978. non so ancora quando, con quanto e come andrò in pensione con le nuove leggi proposte. Grazie per l’attenzione”.

Tranquillizzo il nostro lettore dicendo che la pensione è vicina. Non so in che mese è nato, ma se è nato da gennaio a maggio 1952 può accedere alla pensione di vecchiaia già nel 2018 compiendo il requisito di 66 anni e 7 mesi entro dicembre 2018. Se è nato da giugno a dicembre, invece, purtroppo il requisito lo matura dopo il 1 gennaio 2019 e, purtroppo, dovrà subire l’aumento dell’età pensionabile di 5 mesi che scatterà proprio il 1 gennaio 2019.

Per comodità le scrivo in base al mese di nascita quando le spetterebbe la pensione di vecchiaia:

Nato a gennaio 1952: matura i 66 anni e 7 mesi ad agosto 2018 , decorrenza pensione 1 settembre 2018

Nato a febbraio 1952: matura i 66 anni e 7 mesi ad settembre 2018 , decorrenza pensione 1 ottobre 2018

Nato a marzo 1952: matura i 66 anni e 7 mesi ad ottobre 2018 , decorrenza pensione 1 novembre 2018

Nato a aprile 1952: matura i 66 anni e 7 mesi ad novembre 2018 , decorrenza pensione 1 dicembre 2018

Nato a maggio 1952: matura i 66 anni e 7 mesi ad dicembre 2018 , decorrenza pensione 1 gennaio 2018

pensione-anticipata-disabiliNato a giugno 1952: matura i 67 a giugno 2019 , decorrenza pensione 1 luglio 2019

e ovviamente così via…per tutto il resto dell’anno poichè dal 1 gennaio 2019 saranno richiesti 67 anni di età per accedere alla pensione di vecchiaia.

Può trovare tutto spiegato nel dettaglio nel seguente articolo: Andare in pensione per chi è nato nel 1952: la beffa di chi è nato dopo maggio


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]