Quando in pensione con quota 100 e quando la decorrenza del trattamento

Come presentare domanda di pensione per la quota 100, quando e dopo quando si avrà il primo assegno pensionistico?

Ancora molta confusione per le finestre di accesso per la decorrenza della pensione con quota 100. Fermo restando che occorrono 62 anni di età e 38 anni di contributi, i dipendenti privati possono avere la decorrenza della pensione a 3 mesi dal raggiungimento dei requisiti di accesso, i dipendenti pubblici, invece, dopo 6 mesi.

Quando la decorrenza della pensione con quota 100?

Un nostro lettore ci scrive: “Ho compiuto 62 anni il 9 febbraio 2019 e ho 39 anni di contributi Sono un dipendente privato. Quando presento domanda e quando andrò in pensione?”.

La decorrenza della sua pensione è dal 1 giugno 2019. Basterà, quindi, presentare la domanda di pensione un paio di mesi prima di tale data. Importante è presentare le dimissioni e dare il giusto periodo di preavviso al suo datore di lavoro (si informi su quanto preavviso deve dare secondo il suo CCNL). Il mio consiglio, in ogni caso, è prima di dare le dimissioni di attendere che il decreto quota 100 sia convertito in legge per non rischiare (anche se il rischio è davvero bassissimo) che per qualche inghippo burocratico lei presenti le dimissioni e ci sia qualche slittamento nella conversione in legge della quota 100 che non le permetta di accedere alla pensione.

Leggi anche:In pensione con quota 100: quando si potrà accedere

Come presentare domanda pensione quota 100

A dare disposizioni su come si presenterà la domanda di pensione con la quota 100 è stata lo stesso Istituto previdenziale con messaggio 395.

Per presentare domanda di pensione con quota 100 sul sito dell’Inps è necessario essere in possesso o del PIN INPS, o dello SPID, o della Carta Nazionale dei servizi.

Una volta che ci si è recati sul sito dell’Inps è necessario scegliere “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”.

Poi bisogna scegliere l’opzione “Nuova domanda” e selezionare in sequenza

  • Pensione di anzianità/vecchiaia
  • Pensione di anzianità/anticipata
  • Requisito quota 100

A questo punto bisogna scegliere il fondo e la Gestione di liquidazione della pensione.

Per chi non volesse cimentarsi da solo nell’impresa, è possibile avvalersi anche di un CAF o di un professionista abilitato.

 

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.