Quando in pensione con quota 100 o con anticipata e quando liquidazione del TFS

-
11/12/2019

Quando in pensione con quota 100, per raggiunti limiti di età o con pensione anticipata e quando la liquidazione della buonuscita.

Quando in pensione con quota 100 o con anticipata e quando liquidazione del TFS

Torniamo a parlare di previdenza e di TFS. Vediamo i requisiti per accedere al pensionamento per raggiunti limiti di età, per pensione anticipata e con quota 100 e le relative attese per la liquidazione del TFS spettante ad un dipendente del pubblico impiego rispondendo al quesito di una nostra lettrice.

Pensione e TFS

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno,

sono nata il 19.11.1959 e lavoro ininterrottamente dal 21.06.1981 presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria della mia città. Chiedo quando potrò andare in pensione, sia con Quota 100 che con il raggiungimento dell’età pensionabile, e con quali decurtazioni economiche. Chiedo inoltre con quale tempistica, a seconda delle opzioni di uscita, mi verrà liquidato il TFR. Ringrazio per la disponibilità e collaborazione e invio distinti saluti.

Con 60 anni e con 38 anni di contributi, nell’immediato per lei non ci sono molte possibilità di pensionamento. Vediamo, però, quando raggiungerà la quiescenza per raggiunti limiti di età, con la pensione anticipata e con la quota 100.

Raggiunge il diritto per la quota 100 il 19 novembre 2021, al compimento dei 62 anni. La decorrenza del trattamento pensionistico, però, è sei mesi dopo dal 1 giugno 2022. In questo caso (a meno che non si sblocchi il discorso dell’anticipo del TFS) per ricevere la prima rata del trattamento di fine servizio dovrà attendere il compimento dei 67 anni a cui aggiungere 12 mesi di attesa e 90 giorni necessari all’INPS per la liquidazione della pratica.

Se decidesse di andare in pensione con l’anticipata ordinaria, invece, raggiungerebbe il requisito contributivo il 21 luglio del 2023 (considerando i 41 anni e 10 mesi di contributi necessari più i 3 mesi di finestra di attesa per la decorrenza del trattamento pensionistico) con decorrenza della pensione dal 1 agosto 2023. In questo caso la liquidazione della prima rata del TFS avverrebbe dopo 24 mesi (più i 90 giorni necessari all’INPS) dalla cessazione del servizio.


Leggi anche: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

Per accedere al pensionamento per raggiunti limiti di età, invece, dovrebbe attendere il compimento dei 65 anni, quando verrebbe collocata a riposo d’ufficio avendo già raggiunto il diritto al pensionamento anticipato. In questo caso la liquidazione del TFS sarebbe 12 mesi (più 90 giorni) dopo la cessazione del rapporto di lavoro.