Quando lavorare di sabato è obbligatorio o facoltativo? Spetta la maggiorazione?

Lavorare di sabato è una mera scelta individuale o puramente obbligatoria? Fatto sta che a qualcuno di voi di certo è capitato di lavorare di sabato, anche se a malincuore. La nota dolente cade sui settori lavorativi, in cui il lavorare di sabato è prettamente stabilito nei CCNL. Altri lavori sono gestiti a orario in virtù dell’attuale normativa vigente che divide l’attività lavorativa in 5 giorni a settimana, dove il sesto giorno rappresenta una giornata non lavorativa e il settimo cade come giorno di riposo settimanale.

Il Ministero del Lavoro ha chiarito che il sabato non deve essere inteso come un giorno di riposo, ma cade nelle fascia di “giornata lavorativa a zero”.

Quando il lavatore può rifiutarsi di lavorare il sabato o è obbligatorio?

L’articolo 9 del Dlgs n. 66 /2003, stabilisce che un lavoratore ha diritto di usufruire di un riposo di circa 24 ore in modo consecutivo, ogni 7 giorni lavorativi. Normalmente, il giorno di riposo cade nel giorno della domenica.  Le eccezioni riguardano i seguenti impieghi, quali:

  • lavoro a turni;
  • lavoro con ore frazionati nell’arco del giorno;
  • trasporti ferroviari.

Lavorare di sabato: l’obbligatorietà è frutto del contratto collettivo

Tuttavia, l’ultima parola spetta ai contratti collettivi. Infatti, il sabato e la domenica sono intese come giornate puramente non lavorative. Resta da dire, che se il datore di lavoro sollecita il dipendente a svolgere l’attività lavorativa il sabato o la domenica, al lavoratore spetta una maggiorazione dello stipendio. Viceversa, qualora nel contratto collettivo il sabato rientri come un normale giorno lavorativo, al lavoratore non spetta alcuna maggiorazione dello stipendio.

Il questo ultimo caso, il lavoratore deve lavorare il sabato senza batter ciglio. Resta da considerare, che se il lavoratore nello svolgere l’attività lavorativa anche di sabato dovesse superare il limite imposto per legge delle 40 ore settimanali, come disciplinato dal Decreto Legislativo n. 66/2003, può richiedere la maggiorazione dello stipendio considerando le ore lavorative in eccesso, quindi,  il sabato diventa un lavoro straordinario.

Leggi anche:

Busta paga: buoni pasto, assistenza sanitaria, voucher, ecco come sono regolati

Liquidazione TFR, calcolo e accantonamento, una mini guida completa

Comporto per malattia: quanto dura? Se si supera scatta il licenziamento?

Quando lavorare di sabato è obbligatorio o facoltativo? Spetta la maggiorazione? ultima modifica: 2018-10-06T08:15:24+00:00 da Antonella Tortora

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein