Quota 100 e revoca della domanda di pensionamento anticipato

Dopo aver presentato domanda di pensionamento per Quota 100 è possibile chiedere la revoca? Ecco i chiarimenti Inps

Dal 1° gennaio 2019 è possibile andare in pensione anticipata con Quota 100 con i seguenti requisiti: un’età anagrafica di 62 anni e un’anzianità contributiva di 38 anni. Tanti i dubbi sulla misura e tanti ripensamenti, ecco una domanda posta da una nostra lettrice: Salve buon giorno, cortesemente mi potete dare notizie in merito alla revoca di richiesta di pensionamento anticipato quota 100? Non riesco ad avere notizie certe. Vorrei Revocare la mia domanda di pensione anticipata quota 100 fatta sia al Comune di …. sia all’Inps mi potete dire cosa devo fare se è possibile farlo. Vi ringrazio 

Revoca domanda di pensionamento Quota 100: chiarimenti

L’Inps ha specificato con un messaggio Hermes 453 2019 che le dimissioni non possono essere revocate, hanno una natura di negozio unilaterale ricettizio che determina la risoluzione del rapporto nello stesso momento in cui l’amministrazione ne è a conoscenza. Quindi, la revoca non è possibile in quanto l’effetto risolutivo è già stato prodotto nel momento in cui è stata presentata la domanda di pensionamento.

Mi dispiace ma non è possibile tornare indietro.

Leggi anche: Contributi utili alla pensione: ecco come si calcolano

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”