Rc auto: cambiano le regole, sconto al figlio anche per le moto

-
11/12/2019

Rc auto, con la nuova legge si può sfruttare la classe di merito nello stesso nucleo familiare anche con mezzi diversi.

Rc auto: cambiano le regole, sconto al figlio anche per le moto

Con le nuove normative, con la prima classe del bonus malus del genitore conseguita con l’auto, ne potrà beneficiare anche il figlio che possiede una moto, un ampliamento della legge Bersani, lo ha decretato un emendamento approvato in commissione, di conseguenza nel nucleo familiare ci potranno essere nel bonus malus tutti i tipi di veicolo che appartengono ad un qualsiasi soggetto del nucleo familiare.

Vediamo come cambiano le regole per le assicurazioni Rc

La vecchia Bersani, quella del 2007 era stata sempre limitata, infatti agevolava solo chi stipulava un nuovo contratto attribuendo al veicolo intestato a chi in famiglia aveva una classe migliore, quindi bisognava acquistare un nuovo veicolo indipendentemente nuovo o usato o rimettere in funzione un mezzo che si teneva fermo senza copertura, e poi c’era il vincolo auto con auto, moto con moto.

Ora con il bonus nel decreto fiscale viene inserito un emendamento che abolisce quasi totalmente i paletti con due nuove regole che cambiano questa legge, e sono:

  • la Bersani verrà applicata anche se ci sarà un rinnovo di contratto, di conseguenza se ci sarà un veicolo già nel nucleo familiare questo potrà farne parte; la condizione per ottenere questa inclusione e che nei precedenti 5 anni non ci siano stati sinistri almeno con una responsabilità del 50% in su e che risulti nell’attestato di rischio relativamente alla polizza in questione;
  • con questa nuova normativa si va ad abolire il fatto che il veicolo debba essere per forza della stessa categoria, così per un figlio che vive nello stesso nucleo familiare potrà avere l’agevolazione anche se guida uno scooter e i genitori abbiano un auto.


Leggi anche: Assicurazione RC Auto e Moto: verso lo stop della sospensione

Queste nuove regole destabilizzeranno un pò le assicurazioni e sicuramente andrà a modificare gli equilibri tariffari, si sa che i ciclomotori e motocicli vanno più soggetto ad incidenti ed infortuni che vanno a gravare sulle assicurazioni. Si corre il rischio di dare classi migliori a chi non ha mai causato un sinistro, anche se dal 2018 è stato introdotto l’attestato di rischio dinamico, che permette di scoprire i furbi appena viene presentata la denuncia.

I 12 siti truffa per l’RC Auto: paghi e il veicolo non è assicurato, elenco