Rc auto e Coronavirus: proroga o sospensione?

-
27/03/2020

Nel nuovo decreto è presene il rinvio dalla data di scadenza della Rc auto di 30 giorni in cui la polizza è valida. Si può sospendere l’assicurazione Rc auto?

Rc auto e Coronavirus: proroga o sospensione?

Molti si chiedono coma sospendere l’assicurazione Rc auto, in virtù delle restrizioni sugli spostamenti sempre più ferree dovute al contenimento dell’emergenza da Coronavirus. In tanti sono alle prese con la polizza in scadenza da pagare. Ma, la vettura è ferma lì sotto casa o nel garage per i divieti imposti sulla circolazione? Cosa fare? In questo caso specifico, conviene sospendere l’assicurazione o usufruire della proroga di 30 giorni?

Nel Decreto Cura Italia emanato dal Governo attraverso l’articolo 125 del D.L. n. 18 del 17 marzo 2020 in materia Rc auto è stata introdotta la possibilità di poter fruire di una proroga aggiuntiva di 15 giorni sul periodo relativo alla decorrenza di validità della polizza Rc auto, nella fase successiva alla scadenza. Così facendo ai 15 giorni di tempo già previsti dalla normativa sono stati aggiunti altri 15 giorni, per un totale di 30 giorni. In sostanza, il Governo ha predisposto una norma che intervenisse per allungare il termine di circolazione previsto dopo la scadenza della polizza.

Come usufruire dell’estensione della polizza Rc Auto?

L’estensione della polizza avviene in modo automatico, ossia come disposizione giunta in seguito all’entrata in vigore del Decreto. Non sarà necessario formulare alcuna richiesta alla compagnia di assicurazione. Nell’articolo 170-bis, comma 1, del D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, viene disposto  un periodo di tempo pari a 15 giorni dopo la scadenza della polizza Rc auto, in cui il veicolo può circolare con la copertura assicurativa. Il decreto ha proceduto al prolungamento di tale periodo di validità. In sostanza, la vettura potrà circolare anche dopo 30 giorni dalla scadenza della polizza Rc auto. Nel caso d’incidenti la compagnia assicurativa garantisce la copertura della responsabilità civile, in virtù del contratto stipulato.


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

La validità della tolleranza dei 30 giorni

In sostanza, la polizza Rc auto subisce un periodo di tolleranza più lungo. Ciò significa che alla scadenza della polizza Rc auto, l’auto potrà circolare per i 15 giorni consentiti dalla normativa, con l’aggiunta di altri 15 giorni dovuti al decreto per contenere l’epidemia da Coronavirus. In tutto, il veicolo potrà circolare dopo la scadenza della polizza Rc auto per 30 giorni con copertura assicurativa contro sinistri.

Cosa accade in caso di rinnovo della polizza Rc auto, si perde la proroga?

Nel caso di rinnovo del contratto, con la medesima compagnia assicurativa, sarà stipulato un contratto con alla data di decorrenza della polizza. Si perdono i 30 giorni di differimento previsti dal Decreto. Ma, nel caso in cui si cambia compagnia assicurativa, la sottoscrizione della nuova polizza avrà la sua validità dalla data in cui il contratto viene stipulato. In quest’ultimo caso si recuperano i 30 giorni prorogati, in cui il cittadino ha usufruito dei vantaggi decretati e della vecchia assicurazione.

Rc auto: cosa prevede il Decreto Cura Italia?

Nel Decreto vengono differite le polizze scadute o in scadenza dall’entrata in vigore della misura fino al 31 luglio 2020. Resta da considerare che la proroga di 30 giorni si riferisce solo alla copertura della Rc auto, non copre il furto e l’incendio ecc. In sostanza, le altre garanzie accessorie non vengono prolungate.

Come richiedere la sospensione della polizza?

Per quanto riguarda la sospensione della polizza assicurativa è una procedura prevista da contratto, sia per i veicoli che per le moto. In pratica per ottenere la sospensione della polizza, è necessario presentare una richiesta formale, prima della scadenza della polizza Rc auto. Rammentiamo ai fini legislativi la vettura deve essere sottoposta a copertura di assicurazione anche se non viene utilizzata. In sintesi, anche se l’auto è ferma, ma tuttavia parcheggiata in un luogo pubblico deve essere munita di Rc auto regolare. La sospensione della vettura non comporta nessuna violazione di legge, se il veicolo viene parcheggiato in un area privata.


Potrebbe interessarti: Conto corrente, multe salate a Natale: quando scattano e come evitarle