Reddito di cittadinanza: che succede se il beneficiario abbandona il nucleo familiare?

-
26/10/2019

Variazione al nucleo familiare che non siano per decesso o nascita portano alla necessità di presentazione di nuova domanda di Rdc.

Reddito di cittadinanza: che succede se il beneficiario abbandona il nucleo familiare?

Le domande che ci pervengono sul Reddito di cittadinanza sono davvero moltissimo ma questo caso, nello specifico è davvero particolare e vista la situazione della lettrice che ci ha scritto, mi sono adoperata per cercare di capire quale strada poteva seguire per risolvere il suo grandissimo problema. 

Reddito di cittadinanza e variazione nucleo familiare

La nostra lettrice molto preoccupata, ci scrive:

 Buongiorno, ecco io avevo fatto domanda di reddito di cittadinanza ad Aprile a nome di mio marito,purtroppo a meta Maggio mi dice che si è innamorato di un altra donna,s e ne va in Toscana, a convivere con lei.  A luglio va alle poste di Chianciano Terme è blocca la carta del reddito di cittadinanza ,ora il problema è che nel nucleo familiare ci siamo io ,mia figlia,e mio figlio. Io nel frattempo restando a mani vuote lo chiamo e spiego che sta usufruendo del nucleo familiare e quei soldi non spettano solo a lui perché la decisione di andarsene l’ha presa lui andandosene da casa, nel frattempo io faccio nuovo isee tutta la documentazione necessaria per nuova domanda che mi viene rifiutata ben due volte dicendo che c’era già un nucleo familiare.

Quello che vorrei sapere io è perché non hanno bloccata la carta al mio ex marito? ora un’altra cosa ho saputo che chi ha fatto domanda nel mese di aprile hanno mandato il messaggio se ,il nucleo familiare è sempre lo stesso io penso che si metta la verità e lui dovrebbe dire “no perché io non vivo più com la mia famiglia”. Signori miei nessuno ha saputo darmi una risposta utile mi trovo in una situazione imbarazzante non avendo un lavoro ,anche perché ho  57 anni e non è facile per me con due figli a carico ,anche perché ha lasciato purtroppo tanti debiti a tutti noi.Vi ringrazio di cuore se riuscite a farmi avere una risposta positiva e rapida avendo necessità di pagare tante cose vi ringrazio, se è necessario il mio nome chiedete pure.


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

Se durante la percezione del reddito di cittadinanza il richiedente subisce variazione del nucleo familiare (ma anche del reddito) è tenuto a comunicarlo all’INPS entro i termini previsti dalla legge.

Se il suo ex marito non si decide a comunicare all’INPS che non vive più con il nucleo familiare con il quale ha richiesto di poter fruire del reddito di cittadinanza dovrà procedere lei a presentare nuova richiesta.

Innanzitutto si accerti che il suo ex marito non faccia più parte del suo nucleo familiare. Ad esempio: ha cambiato residenza? Se non lo ha fatto al Comune risulterà ancora residente con lei e con i vostri figli e proprio per questo l’INPS le respingerà eventuali domande che potrebbe presentare lei con il nuovo nucleo familiare.

Nel vostro caso, infatti, nè suo marito nè lei avete il diritto di fruire del reddito di cittadinanza ma deve essere necessariamente presentata nuova domanda affinché i nuovi nuclei familiari possano continuare a beneficiare della misura.

La nuova domanda può essere presentata in qualsiasi momento, ma prima deve verificare che il suo ex marito non risulti più all’interno del suo nucleo familiare altrimenti l’INPS penserà che si sta presentando una domanda per una richiesta già accettata.

Nel momento che varierà il nucleo familiare il reddito di cittadinanza sarà automaticamente bloccato anche al suo ex coniuge.

A questo punto con la sua DSU presenti domanda per un reddito di cittadinanza a suo nome per un nucleo familiare che comprenda soltanto lei e i suoi figli.


Potrebbe interessarti: Conto corrente, multe salate a Natale: quando scattano e come evitarle