Reddito di cittadinanza: come si rinnova la domanda dopo la scadenza?

-
04/09/2020

Attenzione, per chi ha fatto richiesta del reddito di cittadinanza a marzo il sussidio sta per scadere: ecco come presentare la nuova domanda.

Reddito di cittadinanza: come si rinnova la domanda dopo la scadenza?

Per chi ha richiesto il reddito di cittadinanza alla sua entrata in vigore, presentando domanda a marzo ed ottenendo la prima ricarica ad aprile, il sussidio sta arrivando alla sua scadenza. Per queste persone, infatti, l’ultima ricarica arriverà a fine settembre poi, se vogliono ancora ricevere il beneficio mensile, si dovrà presentare nuova domanda. Il reddito di cittadinanza, infatti, ha una durata di 18 mesi, rinnovabile per altri 19 presentando nuova domanda.

Per chi percepisce, invece, la pensione di cittadinanza la domanda di rinnovo non è necessaria poichè sarà automatica (difficilmente, infatti, un nucleo di ultra 67 enni trova un nuovo lavoro o altre fonti di reddito).

Rinnovo reddito di cittadinanza

Per la presentazione della nuova domanda, in ogni caso, bisognerà rispettare la procedura stabilità dal decreto 4 del 2019.

Per chi, quindi, vede il proprio reddito di cittadinanza in scadenza a fine settembre è il caso di attivarsi per capire come bisogna presentare la nuova domanda, questo al fine di perdere il sussidio per meno mesi possibili.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Il reddito di cittadinanza, infatti, per poter essere rinnovato deve prima venire sospeso, il beneficiario deve stare per un mese senza percepirlo e poi presentare la nuova domanda.

A coloro cui scade il reddito di cittadinanza a settembre, quindi, dovranno far trascorre il mese di ottobre senza percepire il beneficio e poi presentare nuova domanda che deve essere presa in rassegna dall’INPS per essere accettata.

La nuova domanda sarà accettata entro il mese di novembre, quindi, e i beneficiari potranno percepire la prima nuova ricarica del secondo anno mezzo di fruizione solo nel mese di dicembre.

Per vedere accolta la propria domanda di rinnovo è necessario che i beneficiari rispetto il mese di stop imposto dal decreto che ha introdotto il Rdc, altrimenti potrebbero veder respinta la nuova domanda.

Si ricorda, in ultimo, che anche per il rinnovo del reddito di cittadinanza è necessario essere in possesso di un Isee in corso di validità; il problema non si pone per la maggior parte dei beneficiari che per continuare a fruire del sussidio hanno dovuto rinnovare l’Isee a gennaio 2020 e lo stesso avrà valenza fino alla fine dell’anno.


Potrebbe interessarti: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo: Reddito di cittadinanza negato: come cambiare l’ISEE?