Reddito di cittadinanza e importo basso: ecco come verificare se l’importo è giusto

-
16/12/2019

Reddito di cittadinanza e calcolo errato secondo Isee e componenti del nucleo familiare, ecco come fare per calcolare l’importo spettante.

Reddito di cittadinanza e importo basso: ecco come verificare se l’importo è giusto

La normativa riporta che il calcolo del reddito di cittadinanza spettante si compone di due parti: una si rifà al reddito familiare e l’altra incrementa il beneficio per chi paga un canone di locazione. Inoltre, è prevista un’integrazione familiare del reddito familiare. Analizziamo come effettuare il calcolo rispondendo alla domanda di un nostro lettore.

Reddito di cittadinanza: calcolo errato

Riceviamo rdc da aprile 2019 ho un dubbio a riguardo il nostro Isee è 3600 € maggiorenni 4 di cui 1 con invalidità 100% e 1 73% il problema che secondo me che ha sbagliato il totale dell’assegno mensile è stata la scala equivalenza 3,9 che moltiplicata per avere assegno ha sballato tutto, ci danno 60€ e non mi sembra giusto 

Come calcolare il  Reddito di cittadinanza

Come sopra riportato il beneficio RdC si compone di due parti:

  • Reddito familiare: fino alla soglia di euro 6.000 moltiplicati per la scala di equivalenza;
  • Ammontare annuo: canone di locazione fino ad un massimo annuo di 3.360. Nel computo è prevista anche un’integrazione per le famiglie con casa di proprietà adibita ad abitazione principale gravata da mutuo; in questo caso l’integrazione non può superare euro annui 1.800.

L’importo totale delle due componenti non può superare euro annui di 9.360, che mensilmente si traducono in 780 euro moltiplicati per la scala di equivalenza e ridotti per il valore del reddito familiare.

Bisogna considerare che l’importo complessivo che scaturisce da questo calcolo tiene conto di molti fattori, e tutto dipende da anche da altri trattamenti previdenziali e assistenziali percepiti dalla famiglia in corso d’anno e valore ISEE.

Scala di equivalenza

Scala di equivalenza del nucleo familiare è così suddivisa:

  • 1 per il primo componente del nucleo familiare
  • + 0,4 per ogni componente che va dai 18 anni in su
  • +0,2 per ogni ulteriore componente minorenne
  • fino ad un massimo di 2,1 elevato 2,2 per componenti con disabilità grave.

Abbiamo indicato in quest’articolo l’integrazione reddituale massima in base al nucleo familiare: Reddito di cittadinanza: importo mensile in base al nucleo, vediamo quanto spetta

Risposta

In risposta al nostro lettore non bisogna considerare solo il nucleo familiare, ma anche tutti i trattamenti assistenziali in corso di godimento nell’anno 2019. L’INPS ha, infatti ha chiarito che dal sono scalati dal Reddito di cittadinanza sono scalati i trattamenti assistenziali in corso di godimento per il 2019 (che, quindi, non risultano negli Isee presentati per beneficiare del Rdc).

Le consiglio di rivolgersi al CAF e verificare la sua posizione reddituale.